Maresciallo Eugenio Fasano morto dopo match calcetto, riaperte due inchieste. «Dubbi sulle lesioni interne»

Maresciallo Eugenio Fasano morto dopo match calcetto, riaperte due inchieste. «Dubbi sulle lesioni interne»
3 Minuti di Lettura
Giovedì 29 Luglio 2021, 09:50 - Ultimo aggiornamento: 09:56

Riaprire il caso della morte di un maresciallo dei carabinieri, Eugenio Fasano, deceduto a Roma nel gennaio del 2019 dopo essersi sentito male al termine di una partita di calcetto. La richiesta arriva direttamente dalla famiglia del maresciallo anche alla luce del fatto che Fasano aveva alcune costole fratturate e polmone e sterno perforati. La morte era stata prima archiviata poi dopo la richiesta dei familiari è stata aperta un'inchiesta alla Procura militare e una a piazzale Clodio. Da accertare dunque, stando alla richiesta della cognata della vittima, Teresa Afiero, se la morte per infarto sia compatibile con fratture e lesioni.

Il maresciallo, secondo la ricostruzione della famiglia e riportata da Repubblica, dopo il malore è stato soccorso da una dottoressa dell'Arma e portato al pronto soccorso dopo un'ora e 46 minuti. Afiero sostiene di avere chiesto più volte dove «si era giocata la partita, chi era l'arbitro, se il centro fosse dotato di servizio medico e di defibrillatore, ma ogni tentativo è stato vano». Dopo due giorni il maresciallo è morto. 

Muore il giovane portiere del Campitello aveva solo 24 anni, il malore a casa

Il maresciallo dei carabinieri Eugenio Fasano morì a 39 anni il 24 gennaio 2019 al Policlinico Umberto I ufficialmente a causa di un malore sopraggiunto dopo una partita di calcetto tra colleghi. La causa del decesso era stata individuata in un arresto cardiocircolatorio, una versione che tuttavia non ha mai convinto la famiglia. L’ipotesi è che possa essere morto in seguito a un atto violento. Per far luce sul caso e chiarire tutte le perplessità, lo scorso anno sono così state presentate delle denunce, in seguito alle quali, sono state aperte due inchieste. Un fascicolo è a carico dei magistrati che si occupano di reati militari, mentre l’altro è stato aperto dalla Procura della Repubblica.

Sveglia il fratello: «Mi sento male». E Samuele crolla a terra e muore stroncato da un malore a 14 anni

Le due inchieste sono conseguenti alla denuncia presentata dai familiari del maresciallo, per la morte avvenuta il 24 gennaio del 2019 al Policlinico Umberto I, dopo una partita di calcetto con amici e colleghi al Circolo antico tiro a volo di via Vajna, nel quartiere Parioli, disputata due giorni prima: il 22 gennaio. Fasano era in servizio alla caserma Salaria di via Clitunno, nel quartiere Trieste-Salario, era sposato e padre di due bambine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA