Manuel Bortuzzo, i due arrestati in isolamento: sono accusati di tentato omicidio

Giovedì 7 Febbraio 2019
1

Sono tornati con il «ferro», pronti a vendicarsi, ad uccidere chi aveva osato fronteggiarli al pub. Davanti però si sono trovati Manuel e la fidanzata, fermi al distributore di sigarette. Tre colpi di pistola, uno dietro l'altro, poi la fuga in scooter mentre Manuel, 19 anni, cadeva a terra sotto lo sguardo attonito della ragazza, illesa per miracolo. Ai magistrati, dopo essersi costituiti, hanno raccontato tutto, dicendo di aver confuso i due ragazzi con i rivali.

Manuel Bortuzzo, uno degli arrestati rapinava un bar ad Acilia nel 2012

Ora, però, dovranno rispondere di tentato omicidio, aggravato dalla premeditazione e dai motivi abietti. Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano, i due giovani con precedenti fermati per il ferimento di Manuel Bortuzzo, hanno passato la notte in isolamento a Regina Coeli, dove domani è previsto l'interrogatorio di convalida del fermo davanti al gip Costantino De Robbio. «Vado in carcere perché è giusto che Manuel abbia giustizia», ha detto Marinelli alla polizia subito dopo essersi costituito. Bazzano, invece, ha rivelato di non sapere che l'amico era armato. «Gli ho detto 'Lorenzo ma cosa hai combinato? - ha raccontato agli investigatori -, mi ha risposto 'ora portami a casa da mio figlio».
 

Intanto, di quella tragica notte alla periferia sud di Roma, tra sabato e domenica, è spuntato anche il video nel quale viene immortalato il momento in cui il proiettile colpisce Manuel. Dalle immagini si vede il ragazzo che, insieme con la fidanzata che indossava il cappuccio nero della felpa, si gira come se venisse chiamato. Un istante e poi crolla a terra cercando l'aiuto della fidanzata con la mano. Il colpo gli fora il polmone e si conficca sulla colonna vertebrale. «Non potrà più camminare», il responso dei medici del San Camillo, dove la giovane promessa del nuoto italiano è in prognosi riservata da sabato notte.

Oggi in ospedale è arrivata anche la presidente del Senato, Maria Elisabetta Casellati, il presidente della commissione Antimafia Nicola Morra e quello della commissione Salute del Senato Pierpaolo Sileri. Ora i genitori, che in mattinata sono stati ricevuti dal questore di Roma, attendono che i medici sciolgano la prognosi per trasferire il ragazzo in un centro specializzato. «Siete i miei angeli», ha detto il papà di Manuel agli agenti. Proseguono infine le indagini per chiarire non solo cosa abbia scatenato la rissa al pub dell'Axa ma anche chi fossero i reali bersagli della vendetta a colpi di pistola. Sotto la lente degli investigatori ci sono gli ambienti criminali della zona che, probabilmente, hanno aiutato i due ragazzi a nascondersi nei giorni della caccia all'uomo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma