CORONAVIRUS

Luiss, nasce il progetto "United for Luiss Learning":
mille borse di studio per il post Covid-19

Mercoledì 13 Maggio 2020 di Camilla Mozzetti
L'istruzione e la formazione al centro di tutto nell'emergenza da coronavirus per non lasciare indietro nessuno. 
E' su questo principio che si basa il nuovo sostegno a favore delle famiglie e degli studenti in difficoltà dell'università Luiss - Guido Carli. Nasce il progetto "United for Luiss learning" un'iniziativa di solidarietà con cui l'Ateneo costituisce un fondo post-emergenza Covid-19 per l’assegnazione di 310 nuove borse di studio, grazie alle quali verrà offerta una tutela finanziaria immediata a iscritti e nuove matricole.

Di queste, 100 saranno rivolte a nuovi iscritti  e riguarderanno tutta la durata degli studi triennali o a ciclo unico. Le altre 210 sosterranno gli attuali studenti, in difficoltà per i problemi legati all’emergenza sanitaria e che, naturalmente, manterranno i requisiti di merito. Ma non finisce qui, perché questi interventi, fruibili già a partire dal prossimo anno accademico 2020/21, si aggiungeranno ai 750 già programmati permettendo così, di arrivare ad oltre 1000 borse di studio.

Il fondo, al quale l’Ateneo conferisce una dotazione economica iniziale di 1.200.000, sarà alimentato anche con i contributi raccolti dall’azione di solidarietà della comunità Luiss. Per garantire questi interventi in maniera incrementale negli anni, verrà inoltre promossa una «Call to action» che prevedrà un’azione mirata di fundraising presso tutte le aziende partner e l’utilizzo dei fondi raccolti per la donazione del 5x1000. L’Università mette poi a disposizione, per chi lo desiderasse, finanziamenti bancari per rateizzare l’importo in 12 mesi in collaborazione con Intesa Sanpaolo.

«Portiamo nel nostro bagaglio la consapevolezza maturata durante queste settimane inedite: siamo una comunità, e solamente offrendo supporto a chi è in difficoltà possiamo assicurare la sostenibilità di una nuova stagione da affrontare insieme. Nessuno deve rimanere indietro - commenta Giovanni Lo Storto, direttore generale dell’Ateneo - Per questo la Luiss, in un momento così delicato, continua a sostenere talenti e le loro famiglie, per garantire l'accesso all'alta formazione, fondamentale per la crescita ed il futuro dei nostri giovani». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani