Al liceo Majorana "la settimana della legalità", incontri con Libera, Sigfrido Ranucci, Alfonso Sabella e l'autista di Falcone

Al liceo Majorana "la settimana della legalità", incontri con Libera, Sigfrido Ranucci, Alfonso Sabella e l'autista di Falcone
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 24 Novembre 2021, 17:50 - Ultimo aggiornamento: 25 Novembre, 00:50

Una settimana dedicata alla legalità con grandi ospiti e dibattiti sul tema criminalità e mafie. Al liceo Majorana di Roma, nel quartiere Spinaceto, dal prossimo 29 novembre fino al 3 dicembre si alterneranno personalità di spicco per incontrare i ragazzi e fargli conoscere le organizzazioni più oscure del nostro Paese (in modo da combatterle e arginarle assieme), ma anche ragionare con loro di Stato, cittadinanza ed educazione civica. Dal giornalista conduttore di Report Sigfrido Ranucci, al magistrato sostituto procuratore del pool antimafia di Palermo Alfonso Sabella, passando per l'autista di Giovanni Falcone e Rocco Chinnici, Giovanni Paparcuri.

Il tutto con il patrocinio della Commissione parlamentare Antimafia, guidata da Nicola Morra, con tanto di evento finale in cui i ragazzi delle varie classi  e i professori pianteranno una talea dall'albero di Falcone, mentre verranno donati alla scuola due sugheri dedicati al tema legalità. 

Borsellino, per la Cassazione «strage mafiosa e zone d'ombra». La famiglia: notevole inquinamento

Settimana della legalità, il calendario degli incontri

Il liceo scientifico Majorana è a capofila di una rete di scuole per la legalità dal nome “Essere le(g)ali. In onore di Giancarlo Siani e Peppino Impastato”. All'iniziativa parteciperanno con loro eventi ad hoc i licei Plauto, Vivona, Alberti e Manara di Roma. Ma ci saranno anche il Galilei di Siena e il Salvatore Quasimodo di Crispano (Napoli). Una Rete progettata interamente dalla preside del Majorana Federica Consolini.

Roma, mense: più costi per la qualità, ma crollo dei ricavi per il Covid

Nel liceo per ognuno dei cinque giorni in calendario si inizierà alle 10 con la presentazione dell'ospite o degli ospiti di giornata, per poi concludere entro le 13 dopo un'ora di dibattito con i ragazzi. Lunedì 29 novembre nell'istituto ci sarà l'inaugurazione con Francesco Messina, direttore del dipartimento centrale Anticrimine della Polizia di Stato e i membri dell'associazione “Rosario Livatino”. Il giorno dopo, martedì 30, interverrà Sandro Ruotolo, giornalista e senatore. Poi mercoledì 1 dicembre sarà il turno di Sigfrido Ranucci, mentre giovedì 2 dei membri dell'associazione “Libera” e di Giovanni Paparcuri, autista di Giovanni Falcone e Rocco Chinnici. Infine chiuderanno la settimana, il 3 dicembre, Alfonso Sabella e Nicola Morra.

Gli alberi della legalità piantati dai ragazzi

Sugli "alberi della legalità" che verranno piantati gli studenti attaccheranno bigliettini con cosa li ho colpiti studiando la storia degli eroi antimafia e non solo. Per quanto riguarda la talea, la piccola pianta di Ficus Macrophilla ha lo stesso genoma della pianta madre che si trova davanti all’abitazione palermitana del giudice Falcone, assassinato dalla Mafia nel 1992. Le gemme del famoso ficus, infatti, sono state prelevate e duplicate nel Centro nazionale carabinieri per la Biodiversità Forestale (Cnbf) di Pieve Santo Stefano (Arezzo). Una talea, quindi, che affonda le sue radici nella legalità e che avrà bisogno delle amorevoli cure degli studenti per contribuire alla formazione di un più vasto e grande “bosco diffuso” formato da giovani piantine curate da altri studenti in tutta Italia.


Scuola choc, 800 bidelli a rischio licenziamento sotto le feste di Natale

«Si tratta di una iniziativa importante per i ragazzi, che mi rende orgogliosa- ci spiega la preside Consolini- ma non sarebbe stato possibile senza l'impegno del referente prof. Zaminga e dei docenti Cosentino, Scozzaro, D'alia, De Gaetano, Russo, Marina, Azzaretto, De Santis e Colonna. Li ringrazio davvero tutti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA