Lazio zona gialla? Zingaretti: «Probabile, ma dipende dai comportamenti delle persone»

Il presidente della Regione: dipende tutto da noi, siamo responsabili, usare le mascherine mascherine all'aperto

Zingaretti, Figliuolo e D'Amato e al centro vaccinale pediatrico presso Explora (foto Lapresse)
2 Minuti di Lettura
Giovedì 23 Dicembre 2021, 15:08 - Ultimo aggiornamento: 16:29

«Regione Lazio in giallo? Dipende dai comportamenti delle persone. I flussi probabilmente ci porteranno in zona gialla ma ripeto: dipende tutto da noi, ovvero da comportamenti responsabili, come usare le mascherine mascherine all'aperto». Lo ha detto il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti visitando, assieme al il Commissario Straordinario dell'Emergenza Covid, Francesco Paolo Figliuolo, e l'assessore alla Sanità Alessio D'Amato, il centro vaccinale pediatrico presso Explora Museo dei bambini.

Super green pass anche per un caffè al bancone. E al cinema solo con mascherina Ffp2

Lazio zona gialla?

Proprio questa mattina l'assessore D'Amato aveva spiegato:  «I casi sono destinati ad aumentare a causa della maggiore contagiosità della variante Omicron. La campagna vaccinale non si fermerà nelle imminenti festività». «Bisogna mantenere i nervi saldi e correre con le dosi booster, con le vaccinazioni ai più piccoli e aumentare le somministrazioni degli anticorpi monoclonali. La campagna vaccinale non si fermerà nelle imminenti festività - ha sottolineato - Oggi nel Lazio è in vigore l'ordinanza sulle mascherine all'aperto, chiediamo ai cittadini la massima collaborazione affinché si possano ridurre gli effetti della variante Omicron».

 

I consigli per le Feste

«Alle famiglie mi permetto di dire - ha sottolineato Zingaretti - in queste giornate di festa usiamo tutte le precauzione, lasciando il più possibile arieggiati gli ambienti e quando ci sono i cenoni fare magari prima i tamponi per stare più in sicurezza. Comunque usare quelle norme di precauzione che tutti ormai conosciamo. Ci sono regole di buonsenso che possono fermare il virus».

© RIPRODUZIONE RISERVATA