Zona gialla, il Lazio bianco sino a Natale. D'Amato: «Vaccino ai bambini? Le famiglie si fidino dei pediatri»

L'assessore alla Sanità: 50 hub appositi

Zona gialla, il Lazio bianco sino a Natale. D'Amato: «Vaccino ai bambini? Le famiglie si fidino dei pediatri»
di Alvaro Moretti
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 8 Dicembre 2021, 10:04 - Ultimo aggiornamento: 16:34

Il Lazio, a Natale «non sarà in zona gialla». Lo dice a Rainews l'assessore alla Sanità Alessio D'Amato: «Da verificare poi con la con corsa al vaccino se sarà possibile evitare il giallo anche dopo. Siamo a un milione di richiami, con una media di 50 mila al giorno e 4 mila prime dosi di media. I bambini? Le famiglie per i più piccoli si fidino dei pediatri. Avremo hub appositi, oltre 50, con clown e intrattenimento. Un padiglione al Museo Explora, con cavalli e cani della Polizia a dare spettacolo per i bimbi a Natale».

Zona gialla: Lombardia, Veneto e Calabria cambieranno colore. Lazio bianco, Friuli verso l'arancione

«Noi oggi dobbiamo combattere questa pandemia - aggiunge D'Amato - ma già sappiamo che altre volte capiterà. Per la prima volta a Roma è stata sequenziata l'aviaria: per fare questo la sanità territoriale va potenziata per essere già pronti. Il tracciamento con l'aumento dei contagi nei giovanissimi, la battaglia si vince solo vaccinando. La sanità del futuro sarà prima cura a casa”».

«Stamani ho salutato con un selfie con le nostre operatrici sanitarie  - dice ancora l'assessore - nel nuovo hub vaccinale dell’Auditorium – Parco della Musica di Roma (Alessandra Brandimarte medico responsabile del centro e Marinella Lombrici coordinatore infermieristico), il superamento del traguardo di 1 milione di dosi di richiamo somministrate nel Lazio. Stiamo viaggiando ad oltre 55 mila somministrazioni al giorno, ben oltre il target fissato dalla struttura Commissariale, e con una buona notizia relativa alle circa 4 mila prime vaccinazioni ogni giorno. Avanti così, l’obiettivo è quello di raggiungere nel mese di dicembre quota 2 milioni di richiami».

© RIPRODUZIONE RISERVATA