Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lazio-Roma, attesi 50mila tifosi: alzate le misure di sicurezza dopo le scritte antisemite. La mappa

Lazio-Roma, attesi 50mila tifosi: alzate le misure di sicurezza dopo le scritte antisemite. La mappa
di Camilla Mozzetti
3 Minuti di Lettura
Venerdì 1 Marzo 2019, 13:11 - Ultimo aggiornamento: 18:26

Dapprincipio furono gli adesivi disseminati tra gli spalti dell'Olimpico che raffiguravano la giovane vittima simbolo della Shoah con indosso la maglietta giallorossa e che portarono all'apertura di un'inchiesta per istigazione all'odio razziale da parte della procura e ad un'ammenda di 50 mila euro per la società sportiva Lazio. E nonostante questo, qualcuno ha riproposto il messaggio: «Romanista Anna Frank» imprimendolo stavolta con la vernice spray su un muro di fronte al Circo Massimo.

Sconosciuta la mano che ha compiuto il gesto anche se è firmato 00100 ssl prontamente rimosso ieri dagli agenti della Polizia Locale insieme al personale dell'Ama che hanno ripulito la facciata del muretto. L'episodio arriva a poche ore dal derby di domani, che si giocherà in serata (fischio d'inizio alle 20.30) all'Olimpico. E già da qui si comprende il tenore della partita: un match che già da giorni si preannuncia a rischio per la possibilità di recrudescenze da parte delle due tifoserie anche a fronte degli episodi avvenuti per le strade di Roma nelle settimane precedenti con la guerriglia a Monti tra i tifosi biancocelesti e quelli del Siviglia che ha portato al ferimento di 4 persone, e quella avvenuta a piazza della Libertà durante la festa della Lazio con scontri tra tifosi e forze dell'ordine. La Questura giorni fa aveva chiesto al Viminale di anticipare l'incontro al pomeriggio ma nell'ultima riunione del Comitato provinciale per la sicurezza e l'ordine pubblico non sono state riscontrare criticità tali da comportare l'anticipo della partita. L'episodio è stato stigmatizzato dalla sindaca Raggi: «La scritta mi fa orrore, questo schifo non è tifo, non è calcio», mentre per il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti si tratta di «delinquenti che usano il calcio per lanciare i loro squallidi insulti. Il derby di Roma deve essere un momento di grande partecipazione, agonismo, rispetto e anche ironia. Il resto è solo un'ignobile dimostrazione di ignoranza».


DERBY BLINDATO

Sono state intanto definite le misure di sicurezza grazie all'incontro presieduto dal neoquestore Carmine Esposito:  per il match Lazio-Roma in programma alle 20.30 di sabato sono attesi circa 50.000 spettatori, di cui 12.000 romanisti. L'apertura dei cancelli avverrà alle 16.30. Sono state previste aree di parcheggio delocalizzate: per i tifosi della Lazio Viale XXVII Olimpiade e Tor di Quinto, per quelli della Roma Piazzale Clodio e area Metro di Via Cipro. Restano confermate le ordinanze prefettizie che vietano la vendita per asporto sin da 3 ore prima e 2 ore dopo il termine dell'incontro, di bevande in bottiglia o in contenitori in vetro, ad eccezione di generi alimentari di prima necessità confezionati esclusivamente in vetro, ed il trasporto nella pubblica via, di bottiglie e contenitori di vetro (ad eccezione di quelli contenenti generi alimentari di prima necessità confezionati esclusivamente in vetro) nella zona dello stadio Olimpico e nelle vie prospicienti.

Prevista una task force, composta da appartenenti alla Polizia di Stato, Guardia di Finanza e Polizia Roma Capitale - coordinata dal dirigente della Polizia Amministrativa - per il controllo del rispetto delle ordinanze del Prefetto, servizi anti bagarinaggio, parcheggiatori e venditori abusivi. Dalle 18 e fino a cessate esigenze, saranno chiuse al traffico privato queste strade: Lungotevere Maresciallo Cadorna; Ponte Duca D'Aosta; Lungotevere Diaz nel tratto compreso tra Piazzale De Bosis e Largo Mareciallo Diaz (con cambio nel senso di marcia su Via Robilant); Lungotevere Oberdan; Lungotevere della Vittoria.



 

© RIPRODUZIONE RISERVATA