Regione Lazio, sanità sotto attacco, il piano anti-hacker: basta smart working

Regione Lazio, sanità sotto attacco, il piano anti-hacker: basta smart working
di Lorenzo De Cicco e Alessia Marani
4 Minuti di Lettura
Giovedì 5 Agosto 2021, 00:53 - Ultimo aggiornamento: 12:07

Il Lazio frena sullo smart working mentre le Asl e le singole aziende ospedaliere stanno attivando propri centralini e agende provvisorie per fare fronte alle nuove prenotazioni per esami specialistici a cui il sistema Recup regionale - completamente bloccato dagli hacker - non può più fare fronte.

Sospese prenotazioni on line

 

In pratica la Regione, ha deciso di richiamare in sede tutti i dipendenti e gli addetti ai sistemi informatici per procedere a ulteriori verifiche sui dispositivi in loro possesso. Questo soprattutto alla luce del fatto che il “big bang” della rete sarebbe partito dal computer lasciato acceso, in casa, da un dipendente di Frosinone. Bisogna capire, insomma, se ci sono state altre incursioni o tentativi da parte dei “pirati” del web. Danilo Fusco, direttore dell’Area sistemi informatici della Regione Lazio, spiega: «Faremo verifiche sui pc, per essere certi che non vi siano stati altri tentativi d’intrusione. Ma i nostri standard di sicurezza sono alti». Già martedì l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato, aveva sottolineato come gli hacker avessero «colpito in un momento particolare, di smart working, quando il livello di attenzione si abbassa». Adesso dell’intricata vicenda, aggiunge, «se ne stanno occupando i tecnici informatici». 


Intanto, si lavora in queste ore per mettere in piedi un sistema alternativo al Recup. L’Umberto I è stato il primo a partire avviando il “Centro di Prenotazione temporaneo”, un servizio telefonico dedicato esclusivamente alla prenotazione di prestazioni ambulatoriali con classe di priorità Urgente e Breve, ossia quelle da garantire entro le 72 ore e i 10 giorni.


ANCHE VIA EMAIL
Il Call Center funziona dal lunedì al venerdì (8.30-16.30) ai numeri 06 49977960 e 06 49977947 e si potrà richiedere la prestazione anche via email: prenotazioni.classeUB@policlinicoumberto1.it. Anche la Asl 3 che comprende i popolosi territori del litorale, del Portuense e Magliana, ha predisposto un suo centralino allo 0694356861 operativo dalle 8 alle 20 dal lunedì al sabato e l’indirizzo supportoprenotazioni@aslroma3.it. «Abbiamo lavorato tutta la notte per attivarlo - afferma Anna Passacantando, responsabile del servizio di medicina specialistica Cup e liste d’attesa - nessun paziente, come indicato dalla Regione, sarà da noi respinto. Incroceremo tutte le richieste e le disponibilità dei medici su fogli Excel e il pagamento del ticket avverrà dopo». Centralino aperto (0696669118) anche alla Asl 4 e email prenotazioni.urgenti@aslroma4.it: «I nostri operatori verificheranno le disponibilità degli specialisti, quindi ricontatteranno l’utente», dice il dg Cristina Matranga. Attivo da oggi anche il “Servizio di Prenotazione temporaneo” per i residenti della Asl 1 che devono prenotare visite ed esami classi di priorità U e B. Gli utenti potranno dunque chiamare il numero 06 77647714, attivo dal lunedì al venerdì ore 8-16. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA