Roma, Gerano restaura nella Valle del'Aniene i manoscritti che racconteranno per sempre la sua storia

Gerano, la bibliotecaria Daniela Timperi con il sindaco
di Antonio Scattoni
2 Minuti di Lettura
Lunedì 15 Marzo 2021, 15:54 - Ultimo aggiornamento: 23:05

Nell’anno del Covid a Gerano non si dimentica la cultura e la storia del paese. Accordo tra il Comune di Gerano e l’archivio storico del Palazzo della Cultura di Roma per restaurare antichi manoscritti locali e salvare la memoria del paese. A sottoscriverlo Danilo Felici, il sindaco del Comune della Valle del Giovenzano tra Tivoli e Subiaco, e la responsabile della biblioteca dell’archivio di Villa Altieri, Daniela Imperi. «La storia è maestra di vita- dice il sindaco Felici - e la nostra storia racchiude in sé la cultura, le tradizioni e gli insegnamenti di chi ci ha preceduto, di chi ha messo in gioco ideali, tempo e impegno personale: un monito per le nuove generazioni, a guardare avanti ma fortemente ancorati al passato».

Grazie al progetto di restauro, antichi libri che rischiavano di andare perduti o di rovinarsi per sempre torneranno a nuova vita e le future generazioni potranno leggere e conoscere la storia del paese. Il recupero riguarda manoscritti tra il XVII e il XX secolo presenti nel Comune. Ci sono volumi con le deliberazioni dei Consigli Comunali dal 1710 al 1905 e inventari patrimoniali dell’Ospedaletto di Gerano, dal 1514 al 1925. I manoscritti verranno restaurati e rilegati.

Giuseppe Patroni Griffi, dal 27 febbraio online l'Archivio personale del regista, con foto, copioni e materiali inediti

Beethoven, lettera autografata venduta all'asta per 275mila dollari

© RIPRODUZIONE RISERVATA