Roma, tenta di investire due volte l'amante del marito: arrestata, è accusata di tentato omicidio

Roma, tenta di investire due volte l'amante del marito: arrestata, è accusata di omicidio
di Erika Chilelli
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 12 Ottobre 2022, 07:12 - Ultimo aggiornamento: 13 Ottobre, 08:35

Ha preso la macchina ed è partita a tutto gas con un solo bersaglio: l'amante del marito, una prostituta di 35anni. La furia omicida, però, ha condotto la 42enne Alessandra F. a processo davanti al gup di piazzale Clodio con l'accusa di tentato omicidio e nella prossima udienza si procederà con un rito abbreviato.


I FATTI


La stava aspettando sotto casa, in via Ostuni, per parlare di suo marito. Eppure, la sera del 15 maggio scorso la rabbia da gestire per Alessandra era troppa e, quando ha visto arrivare l'amante di suo marito, una prostituta di 35 anni, non è riuscita a controllarsi. Le due, così, si sono affrontate e hanno litigato animosamente fino a quando la moglie tradita non ha deciso di allontanarsi e risalire a bordo della sua Fiat Multipla. È rimasta a guardare la rivale che si dirigeva verso casa, ha messo in moto l'auto e in pochi attimi il desiderio di vendetta ha avuto la meglio. Alessandra è partita a tutto gas entrando all'interno dell'aria pedonale del lotto condominiale e tentando di investire la rivale che, però, è riuscita a spostarsi dalla traiettoria e lanciare un mattone sul parabrezza dell'auto, che ha terminato la sua corsa urtando contro il muretto condominiale. A quel punto la 42enne ha fatto retromarcia e ha deciso di tornare a casa, ma il tentativo fallito non è bastato per sedare la sua voglia di rivalsa.

Amante respinta manda foto di lui in doccia alla moglie, condannata a 100 ore di lavoro socialmente utile


IL SECONDO TENTATIVO


Qualche giorno dopo, la vittima che si trovava sul marciapiede di via Manfredonia, all'angolo con via Ostuni, ha visto la macchina di Alessandra F. andarle incontro. Anche questa volta l'auto ha mancato il suo bersaglio prendendo, invece, un veicolo in sosta. La 35enne spaventata ha cercato di fuggire via, ma la donna, determinata nel portare a termine il suo piano, ha percorso contromano via Ostuni fino a raggiungerla all'incrocio con piazza del Quarticciolo per cercare di investirla ancora una volta. La vittima, caduta rovinosamente a terra, è riuscita a salvarsi e chiamare aiuto. Così Alessandra, che voleva difendere il suo onore e vendicarsi dell'amante di suo marito, è stata arrestata e accusata di tentato omicidio. E ora dovrà affrontare un processo.


I PRECEDENTI


Sono sempre di più i coniugi che, scoperto un tradimento, decidono di bersagliare il proprio rivale in amore fino a desiderare di eliminarlo. Voleva ricostruire il rapporto con la ex moglie il 35enne romano che lo scorso 10 agosto si è scagliato contro il presunto amante della donna. Così, si è presentato a casa sua e quando lui ha aperto la porta lo ha accoltellato ripetutamente alla gola, alla testa e al torace con un coltello da macellaio. L'aggressore è fuggito dopo l'intervento di un vicino di casa che, per sedare la lite, ha iniziato a colpirlo con un ombrello. La vittima è stata portata al Policlinico Casilino in grave condizioni, mentre il marito in fuga è stato rintracciato dalla polizia ed accusato di tentato omicidio dal pubblico ministero Carlo Villani.
È finito agli arresti domiciliari, invece, il 42enne ciociaro che ha picchiato il vicino di casa della sua ex convivente perché pensava che fosse il suo amante, l'uomo la stava solo aiutando con le buste della spesa. L'accusa per lui è anche di stalking, per aver ripetutamente perseguitato la ex che lo aveva lasciato proprio a causa delle continue scenate di gelosia.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA