Roma, precipita con lo scooter nel vano di aerazione di un garage: donna gravissima

Mercoledì 30 Ottobre 2019 di Marco De Risi
Roma, ragazza precipita con lo scooter in un garage ai Parioli: volo di 10 metri, è gravissima

È in fin di vita una giovane precipitata per 10 metri con lo scooter in un vano circolare di aerazione di un parcheggio sottorraneo. Il dramma, dalla dinamica assolutamente singolare, è avvenuto nel pomeriggio ai Parioli,  in piazza Santiago del Cile a Roma. Da una prima ricostruzione la 37enne romana stava percorrendo la rotatoria quando, per evitare un'auto, è entrata nella area pedonale al centro della rotonda, ha attraverso un'aiuola e ha sbattuto con lo scooter contro le barriere di metallo che proteggono a 360 gradi il vano. Stupisce tuttavia  he oltre a lei, scagliata nel vuoto dall'inerzia della corsa bruscamente interrotta,  sia finito di sotto anche lo scooter che evidemente ha effettuato una rotazione di 180 gradi sulla ruota anteriore per riuscire a scalvalcare la barriera e quindi precipitare.
Può darsi che il lieve rialzo dell'aiula abbia favorito questo movimento davvero anomalo.
La giovane è ricoverata in codice rosso all'Umberto I.

Sono intervenuti la polizia, i vigili del fuoco e la polizia locale che si occupa dei rilievi. La donna è stata recuperata dai vigili del fuoco. I pompieri hanno poi recuperato anche lo scooter. Tutti si sono mostrati assai stupiti dalla dinamica dell'incidente. almeno secondo quanto si è capito finora. 

I vigili urbani stanno anche accertando eventuali responsabilità in particolare se il tratto percorso dallo scooter prima di precipitare fosse regolarmente protetto. Secondo quanto si è appreso da fonti della polizia locale, dalle prime verifiche sembrerebbe che il vano di aereazione del garage abbia attorno delle barriere protettive a norma. Da capire come mai allora la donna e lo scooter le abbiano superate.
 

 

Ultimo aggiornamento: 31 Ottobre, 09:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Zero pubblico, il Bioparco pensa ai fondi

di Marco Pasqua