Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, incendio in casa per la candela alla Balduina: Elisabetta Ferri morta a 62 anni, non pagava la luce

Elisabetta Ferri viveva in via Seneca. I vicini hanno dato l’allarme per il fumo: «Era una persona semplice, viveva con poco»

Roma, rogo in casa per la candela alla Balduina: morta a 62 anni, non pagava la luce
di Emiliano Bernardini e Alessia Marani
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 29 Giugno 2022, 07:10 - Ultimo aggiornamento: 30 Giugno, 11:29

La luce fioca di una candela che all'improvviso si trasforma in un incendio. Le fiamme che divampano in maniera furiosa e divorano tutto non lasciando scampo ad Elisabetta Ferri, 62 anni, che da un paio d'anni viveva nell'appartamento al piano terra in via Seneca 47 alla Balduina. E' stata ritrovata nel suo letto. Segnale che il rogo l'ha inghiottita nel sonno. E' da poco passata l'una della notte tra lunedì e martedì quando l'inquilino del piano di sopra nota del fumo nero e puzza acre di bruciato. Immediatamente chiama i vigili del fuoco e i soccorsi mentre corre ad avvertire gli altri condomini. Ma l'incendio si propaga rapidamente e non lascia scampo. Anche gli altri residenti vengono svegliati dal fuoco. «Abbiamo sentito questo forte odore, poi abbiamo visto il fuoco e contemporaneamente una serie di piccole esplosioni» riferiscono.

Incendia tre cassonetti a Roma, esplode il contatore del gas: evacuate due palazzine a Tor Vergata


I SOCCORSI
Sul posto vigili del fuoco con le squadre 1A, AS1 della centrale, AB9, il funzionario e il capoturno, i carabinieri e il 118. Spente le fiamme nell'abitazione, il macabro rinvenimento, con la donna trovata priva di vita nel letto della sua camera. Sul corpo non c'erano segni di violenza. La salma è stata trasportata all'obitorio del policlinico universitario Agostino Gemelli con l'autorità giudiziaria che ha disposto l'autopsia. Con ogni probabilità la donna è morta in seguito all'inalazione dei fumi. Sul posto per svolgere le indagini i carabinieri della stazione Roma Porta Medaglie e gli investigatori della VI sezione del nucleo investigativo di via in Selci.

Monica Prendin, morta carbonizzata insegnante di musica nell'incendio di una palazzina ad Alessandria


LA DINAMICA
Con ogni probabilità a provocare l'incendio è stata una candela che la donna usava per illuminare la casa. Elisabetta Ferri, 62 anni per una vita aveva lavorato all'Ivass, l'istituto per la vigilanza sulle assicurazioni, e da qualche tempo era in pensione. Sola e senza figli da un paio d'anni aveva preso in affitto l'appartamento al pian terreno dello stabile di via Seneca. «Una donna tranquilla, cortese. Viveva in maniera semplice ma non in condizioni di indigenza» riferiscono ancora i vicini. «Da un paio di settimane l'avevamo vista utilizzare delle candele per fare luce» raccontano ancora. Di fatto Elisabetta aveva avuto alcuni problemi con le bollette. Probabilmente aveva dimenticato di pagarne alcune, tanto che gli era stata tolta la corrente. Un situazione che aveva deciso di tamponare utilizzando appunto delle candele. La scorsa notte, però, proprio quella candela che aveva utilizzato per illuminare la camera da letto le è stata fatale. La donna fiaccata dal sonno si è addormentata e la candela ha continuato a bruciare fin quando la fiamma ha scatenato l'incendio.
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA