Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Incendio via Papiniano, la denuncia: «Chiedevo aiuto ai pompieri, ma non avevano più mezzi»

​Un residente della Balduina: "Sporgerò denuncia, anche i carabinieri hanno sollecitato i pompieri"

Incendio via Papiniano, la denuncia: «Chiedevo aiuto ai pompieri, ma non avevano più mezzi»
di Flaminia Savelli
3 Minuti di Lettura
Lunedì 4 Luglio 2022, 22:51 - Ultimo aggiornamento: 5 Luglio, 00:18

«Prima ho sentito un fortissimo odore di bruciato, quando mi sono affacciato al balcone ho capito subito che la situazione era drammatica». Carlo Pileri, è stato tra i primi residenti della Balduina ieri pomeriggio a chiedere l’intervento dei vigili del Fuoco quando ha visto che le fiamme si avvicinavano veloci verso la palazzina di via Papiniano, la zona tra le più colpite dal violento incendio del parco del Pineto. L’allarme nel quadrante nord della Capitale è scattato poco dopo le 14.

Incendio via Papiniano, residenti in fuga dalle fiamme: «Potremo tornare a casa?»

Eppure, nonostante le ripetute richieste, i soccorsi hanno tardato ad arrivare: «Non so neanche dire quante volte ho chiesto aiuto ai vigili del Fuoco, a un certo punto non mi rispondevano neanche più. Durante una delle prime chiamate mi hanno addirittura risposto che in quel momento avevano altro da fare. Intanto le fiamme avanzavano e non sapevo cosa fare. Ma il rischio era troppo alto, ho preso il mio gatto, Vladi e sono corso in strada».

 

In supporto dei residenti, sono intervenuti gli agenti della polizia e i carabinieri che hanno aiutato gli anziani e gli infermi a uscire dalle palazzine tra i civici 59 e 42 a evacuare. Poi la strada è stata chiusa e sono intervenuti anche gli uomini della Protezione Civile, già impegnati a domare le fiamme arrivate nella loro sede di via Papiniano. Una corsa contro il tempo: «Ho aiutato chi ho potuto, a tutti ho suggerito di uscire subito da casa, di non aspettare oltre» continua Carlo che ha atteso fino alle 18 è rimasto in via Papiniano: «Ho chiamato i miei fratelli a cui ho assicurato il mio gatto. Speravo di poter rientrare in casa ma non mi sento molto tranquillo».

Incendio Roma al parco del Pineto quasi domato. Residenti ancora fuori dalle abitazioni

Sempre alla Balduina infatti, le fiamme di un condominio di via Appiano sono arrivate fino al parco interno: «Un inferno di fuoco - racconta ancora Carlo, che è anche portavoce dell’associazione Konsumer - sono stati attimi drammatici quando mi sono reso conto che le fiamme avanzavano. Dalla finestra di casa le vedevo altissime e molto vicine. Non capisco perché - si domanda - i vigili del Fuoco abbiano tardato tanto. Sono certo che se fossero stati più tempestivi, si sarebbe potuto arginare. Oltre al fuoco, ora c’è il problema dell’aria che è irrespirabile». Una cappa di fumo e cenere ha ricoperto tutta l’area interessata dal vasto incendio che ha diviso in due il quartiere. Le operazioni di evacuazione sono andate avanti per tutto il pomeriggio. E c’è chi ha preferito trascorrere la notte altrove: «Starò dai miei fratelli - conclude Carlo - non mi sento tranquillo a rientrare se la situazione è ancora così pericolosa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA