ATAC

Allerta mezzi Ama: «Bruciano come gli autobus Atac»

Sabato 27 Luglio 2019 di Stefania Piras
Allerta mezzi Ama: «Bruciano come gli autobus Atac»

Si sono formate code lunghe fino a tre chilometri. E sono trascorse circa quattro ore prima che la viabilità tornasse normale sul Grande raccordo Anulare all'altezza della Cassia bis, vicino all'ospedale Sant'Andrea, a Roma, dove ieri mattina presto, verso le 6 e 20, ha preso fuoco un mezzo pesante dell'Ama pieno di immondizia. L'origine del rogo sarebbe proprio nei rifiuti infiammabili trasportati. La rassegnazione e l'ironia sui social hanno regnato sovrane con gli internauti che si chiedevano: «È una nuova variante di flambus, anche se stavolta non è l'Atac ma un'altra partecipata capitolina, oppure è un tentativo di termovalorizzazione dei rifiuti?».

Roma, un altro bus prende fuoco: l'incendio choc in periferia

Roma, bus Cotral in fiamme sul Gra: traffico paralizzato
 

GLI AUTOMOBILISTI
Ma il flambus è stato il pensiero più gettonato. Perché gli automobilisti fermi incolonnati sul Raccordo anche più di un'ora hanno pensato subito ai 146 autobus Atac che dal 2016 hanno inaugurato una macabra tradizione. Quella di morte per autocombustione. Fatto sta che il compattatore Ama che proveniva dal deposito Salario è rimasto a bruciare per diverse ore in strada sulla corsia di emergenza. L'incendio è divampato nella parte anteriore del camion Mercedes. Dalle primissime ricostruzioni l'autista del mezzo ha visto uscire del fumo tra i rifiuti e più precisamente tra la cabina e il cassone, e si è fermato. A quel punto l'incendio è divampato e le fiamme hanno investito anche l'interno della cabina di resina e alluminio.

Sul posto sono intervenuti gli agenti della Polizia stradale per assicurare la rimozione del mezzo, dopo lo spegnimento effettuato dai Vigili del fuoco. I disagi sono stati forti. Il Raccordo è stato parzialmente chiuso all'altezza del km 17,7 in carreggiata esterna. Le operazioni di rimozione del veicolo sono andate avanti fino alla tarda mattinata, il Gra è stato riaperto verso le undici e la circolazione è poi tornata alla normalità. Non si sono registrati né feriti, né intossicati. Lo stesso autista è rimasto incolume. Come per l'Atac che sconta una flotta vetusta anche all'Ama fanno i conti con un parco mezzi inadeguato e vecchio. Spesso infatti la municipalizzata si ritrova con la metà dei mezzi a disposizione. L'altra metà è ferma nelle autorimesse perché o in manutenzione o perché non in condizioni. Ma complice il caldo e i continui viaggi a cui sono sottoposti i camion, è facile che si sviluppino anche incendi. Specie se c'è materiale infiammabile nei carichi. Così anche il trasporto rifiuti può diventare pericoloso e mettere fuori gioco i mezzi .

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, istrice gigante a spasso su Lungotevere: la Capitale sempre più bestiale

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma