Ilaria Occhini, l'ultimo saluto al Teatro Argentina. Il dolore di Ozpetek: «Non ce la faccio a parlare»

Martedì 23 Luglio 2019
LA CERIMONIA
Una distesa di bellissimi fiori bianchi e rosa a coprire la bara posta sotto il grande palcoscenico vuoto, occupato da uno schermo che proietta le foto di famiglia e della lunga carriera teatrale, sulle note di brani immortali, da “La vie en rose” a “Odio l'estate” da “My way” a“ Era de maggio”: si è aperta alle 10 questa mattina la camera ardente per Ilaria Occhini, allestita al Teatro Argentina di Roma. Seduta accanto al feretro ad accogliere le persone giunte a rendere omaggio all'attrice morta il 20 luglio a 85 anni, la figlia Alexandra, avuta dal marito, lo scrittore Raffaele La Capria.

OZPETEK
«Non ce la faccio a parlare, sono troppo scosso». preferisce non rilasciare dichiarazioni Ferzan Ozpetek, giunto al Teatro Argentina di Roma. Ilaria Occhini, morta lo scorso 20 luglio a 85 anni, ha lavorato in Mine vaganti. Dopo il lungo abbraccio e qualche minuto trascorso a parlare con la figlia dell'attrice Alexandra, il regista ha baciato commosso il feretro e ha lasciato il teatro.

Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev Ultimo aggiornamento: 12:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Tutti in fila per la macchina mangia-plastica (che però è rotta)

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma