Roma, il Mibac diffida il Campidoglio: «Urgente salvare il Casale della Cervelletta»

Lunedì 13 Maggio 2019 di Pierpaolo Filippi
1

Alla fine è arrivata la diffida del Mibac, che attraverso una lettera della Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma ha chiesto di intervenire urgentemente per sanare la «situazione di grave degrado, abbandono e pericolo». Perché tra vecchi progetti introvabili, confusione sulle competenze dei vari dipartimenti, dirigenti capitolini che non rispondono alle convocazioni e che giocano allo scaricabarile, il Casale della Cervelletta, la costruzione con torre medievale che domina l’omonima tenuta nella Riserva naturale Valle dell’Aniene -  dove i ragazzi del Cinema America hanno organizzato la scorsa stagione la loro arena cinematografica di Tor Sapienza - ogni anno che passa rischia sempre più di cedere. In particolare, sono in condizioni critiche il tetto del casale e quello della torre con merlatura guelfa, alta circa 30 metri, che risale al XII Secolo. La tenuta della Cervelletta era infatti un vasto fondo medievale di proprietà ecclesiastica. Nel XVI secolo il fondo venne rilevato dalla famiglia Sforza che lo tenne sino al 1628, quando venne acquistato dal Cardinale Scipione Borghese. Nel 1835 il fondo passò alla famiglia Salviati, che realizzò la bonifica del territorio colpito dalla malaria.
 

 

Si tratta di una struttura alla quale i cittadini sono affezionati, tanto che il Casale, spinto dai loro voti, si è piazzato al primo posto nel Lazio e al ventisettesimo in Italia nell’ultima campagna del Fai “Luoghi del cuore” (l’anno scorso fu anche la location del Cinema America). Già nel 2014 il Campidoglio, che dal 2001 possiede l’immobile, aveva provato a intervenire, ma i lavori, considerati di somma urgenza, non partirono perché la delibera con il progetto definitivo degli interventi non arrivò mai in giunta, stoppata dalla Ragioneria. L’attuale amministrazione ha ripreso in mano la questione ma sembra non riuscirne a venirne a capo. Come emerso durante le sedute di commissione dedicate al casale, nessuno sa quale dipartimento debba farsi carico dei lavori straordinari e nessuno dà risposte.
La richiesta di chiarimento avanzata dalla commissione Cultura al vice direttore generale per l’Area tematica Servizi al Territorio è rimasta inevasa, come riferito dalla presidente Eleonora Guadagno al colleghi durante la riunione del 15 aprile. Proprio in quell’occasione, presenti la gran parte dei rappresentanti dei dipartimenti interessati, è emersa tutta la confusione amministrativa che sta bloccando il recupero del bene storico, tanto da provocare lo sfogo della vicepresidente della commissione, la consigliera M5s Carola Penna, che ha accusato gli uffici di «scaricarsi a vicenda le competenze» e di essere di ostacolo alla soluzione di diverse problematiche della città. Nessun ufficio infatti sembra voler occuparsi dell’intervento. Il dipartimento Patrimonio, che dispone attualmente del bene, ricevuta la diffida del Mibac, ha investito della questione la Sovrintendenza capitolina, il Simu e l’ufficio tecnico del Municipio IV. Per il Simu la competenza delle manutenzione, anche straordinarie, spetta ai municipi, talvolta alla Sovrintendenza, che invece obietta che il casale non le è mai stato affidato. Il dipartimento Ambiente da parte sua ha fatto presente di non essere attrezzato per questo tipo di intervento.

Ultimo aggiornamento: 13:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Livercool vs A.C. Tua, quando il Fantacalcio imbarazza il nonno

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma