Guidonia, i carabinieri arrestano tre spacciatori: in casa oltre un chilo di cocaina

Martedì 24 Settembre 2019 di di Elena Ceravolo
Uno degli spacciatori portato via dai carabinieri
È la seconda maxi-operazione antidroga messa a segno dai carabinieri in pochi giorni per stroncare il traffico di cocaina a Guidonia. Stavolta gli investigatori della tenenza di largo Centroni hanno scovato a Villalba, nella zona di via Trento, un appartamento usato, secondo la ricostruzione, per quella che in gergo si chiama “retta”, cioè una sorta di servizio di custodia degli stupefacenti dietro compenso. In totale sono finiti sotto sequestro un chilo e cento grammi di cocaina purissima. In manette una coppia di conviventi, i “guardiani” della droga, lui 45 e lei 28 anni, originari di Tivoli, e anche il “proprietario” del carico, un trentunenne del posto. Tutti e tre dovranno rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

La prima incursione i carabinieri l’hanno fatta nell’appartamento usato come magazzino dove hanno scoperto un ingente quantitativo di cocaina in una cassaforte, trovando così conferma alle indagini avviate qualche tempo prima circa l’esistenza di una sorta di gestione per conto terzi dello stupefacente da avviare allo spaccio. Successivamente è stato rintracciato anche il trentunenne. Una quantità di droga tale da consentire la produzione di migliaia di dosi per un giro d’affari molto consistente. Sequestrato anche materiale per il taglio e il confezionamento e appunti vari chiaramente riconducibili allo smercio.

I due uomini sono stati portati in carcere a Rebibbia, mentre la donna è stata messa agli arresti domiciliari. Solo una decina di giorni fa con un’altra operazione i carabinieri hanno chiuso una “centrale” di spaccio a Villanova. I militari, coordinati dal comando della compagnia di Tivoli, hanno infatti trovato in un appartamento 275 dosi di cocaina pronte per la vendita, complessivamente 110 grammi, oltre ad un totale di 2.800 euro in contanti considerati guadagno dell’attività illecita. Nella rete degli uomini dell’Arma sono finiti in tre: oltre al padrone di casa, un trentenne, per detenzione di stupefacenti ai finiti di spaccio, anche altre due persone che erano con lui nell’appartamento chiamate a rispondere in concorso per lo stesso reato: una donna di 32 anni e un uomo di 31.
Guidonia si conferma la maggiore “piazza” di smistamento di cocaina e marijuana della provincia, come emerge dai dati della procura di Tivoli. E, per prevenire e contrastate lo smercio e l’uso di droga tra i giovanissimi, da ottobre sarà operativo il progetto “Scuole sicure” realizzato dal Comune grazie a un finanziamento di 41mila euro assegnato dal ministero dell’Interno, che ha selezionato come destinatarie 100 città in tutta Italia. Sei telecamere puntate lungo il perimetro delle Superiori, drug test, uno sportello di ascolto per i ragazzi, campagne di sensibilizzazione progettate dagli studenti e un programma di attività formative aperto anche ai genitori.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma