Green pass, a Roma controlli da San Lorenzo a Ostia: «E scattano le sanzioni»

Green pass, a Roma controlli da San Lorenzo a Ostia: «E scattano le sanzioni»
di Alessia Marani
4 Minuti di Lettura
Venerdì 13 Agosto 2021, 06:49

Assembramenti, movida fuori controllo e, soprattutto il controllo del green pass. Il piano per il Ferragosto sicuro messo a punto ieri mattina nella riunione del comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica convocato in Prefettura quest'anno sarà declinato sull'emergenza sanitaria. Gli occhi delle forze dell'ordine e delle polizie locali saranno puntati su quei luoghi dove si concentrerà il maggiore afflusso di persone. Se in Centro i pattuglioni di carabinieri e polizia continueranno a monitorare zone come San Lorenzo, il Pigneto e Trastevere dove, nonostante la città si sia svuotata in questi giorni, permangono alte le presenze, il grosso dei dispositivi si sposteranno sulle località tradizionali della villeggiatura o semplicemente quelle che sono mèta di gite mordi e fuggi.

Green pass, il piano controlli: agenti in borghese tra bar e ristoranti. A Ferragosto nelle località di villeggiatura

I DOCUMENTI
In primis sul litorale di Anzio, a quanto pare il più gettonato dai romani in questa seconda estate di pandemia, Nettuno, Ardea e Civitavecchia, senza tralasciare Ostia con i suoi chilometri di lungomare e stabilimenti pieni di ristoranti e locali per apericena. Il prefetto Matteo Piantedosi, circolare esplicativa del Viminale alla mano, ha ribadito nella riunione che la richiesta da parte degli esercenti dei documenti da parte di chi esibisce il certificato verde, cartaceo o telematico, non è obbligatoria ma necessaria laddove appaia manifesta l'incongruenza con i dati anagrafici contenuti nella certificazione (per esempio quando non è chiara l'età di un minorenne). Fatta chiarezza su questo punto, l'obbligo del green pass per mangiare seduti all'interno di bar e ristoranti o per accedere spettacoli o eventi anche all'aperto, entra nel vivo. E come ogni regola dovrà essere rispettata e i controlli andranno fatti. Chi non ottempererà (o blufferà su età o mostrerà un green pass non suo) verrà sanzionato.

Ad Anzio e Civitavecchia è boom di prenotazioni per pranzi e cene. Così anche lungo la direttrice dell'Appia Antica fino alle fraschette dei Castelli Romani. I sindaci delle singole località sono stati, dunque, sensibilizzati a offrire tramite le polizie locali la massima collaborazione. Oltre a monitorare sul rispetto della nuova normativa anti-Covid, gli operatori della pubblica sicurezza dovranno garantire la loro presenza o il passaggio nei luoghi più affollati per intervenire nel caso in cui possa nascere qualche alterco o difficoltà tra gli esercenti stessi e clienti non contenti di sottostare alle regole. «Finora a dire il vero - racconta Daniela, titolare del Chianti, ristorante a Fontana di Trevi - non abbiamo avuto grosse difficoltà. Piucchealtro sono gli stranieri, soprattutto americani ed extraeuropei ad arrivare impreparati e, dopo tanta crisi per i lockdown, piange il cuore non poterli fare accomodare. Ma contiamo che, con il passare delle ore e una informazione più capillare, tutti possano adeguarsi». Al vicino Baccano confermano: «Finora nessun problema».

LE DIRETTIVE
A disporre i servizi di controllo sarà l'ordinanza del questore Mario Della Cioppa. Intanto anche il Comando provinciale dei carabinieri ha intensificato i dispositivi di controllo che mirano, non solo al rispetto delle norme per contrastare i contagi da coronavirus, ma anche a prevenire tutti i reati tipici di questo periodo, compresi furti in negozi e abitazioni e truffe agli anziani. Sono stati intensificati i servizi di pattuglia su strada, ai fini della prevenzione e il contrasto delle forme di criminalità diffusa con particolare attenzione nelle ore notturne - quali furti in appartamento e rapine, e i controlli alla circolazione stradale, sia diurni che notturni, con l'attuazione di posti di controllo. Il piano prevede un vasto dispiegamento di forze dei Gruppi di Roma, Frascati e Ostia, che saranno coadiuvati dalle gazzelle del Nucleo Radiomobile. Sia i carabinieri (come quelli del Nas e del Nucleo ispettorato lavoro) che la polizia (in particolare la divisione amministrativa), opereranno anche in borghese. In cielo si alzeranno gli elicotteri dei reparti volo, la Polizia locale di Roma Capitale avrà a disposizione droni e nuove biciclette.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA