Gigi Proietti, il virus rovina i funerali: oggi niente bagno di folla ma solo diretta tv

Gigi Proietti, il virus rovina i funerali: oggi niente bagno di folla ma solo diretta tv
di Gloria Satta
5 Minuti di Lettura
Giovedì 5 Novembre 2020, 00:44 - Ultimo aggiornamento: 09:38

Sarà una lunga giornata, una maratona d’amore e di commozione anche se la gente non potrà esserci “in presenza”, come si dice ai tempi del Covid, ma dovrà accontentarsi di seguirla in diretta tv su Rai1: la pandemia impone emozioni da remoto, ma non per questo saranno meno sentite. E ogni momento dell’ultimo saluto a Gigi Proietti, un personaggio amatissimo da tutti e scomparso inaspettatamente il 2 novembre, il giorno dell’80mo compleanno, sarà seguito dalle telecamere. Si inizierà stamattina alle 10, in Campidoglio: sotto la statua del Marc’Aurelio il presidente dell’assemblea capitolina Marcello De Vito, al posto della sindaca Virginia Raggi in autoisolamento, pronuncerà un breve discorso e la salma dell’attore verrà benedetta dal cardinale Angelo De Donatis, vicario generale di Roma. Poi, scortato dai motociclisti della Polizia Municipale, il carro funebre raggiungerà il Globe Theatre, il teatrino di legno fondato da Gigi a Villa Borghese, dove parleranno Walter Veltroni, Marisa Laurito, Pino Quartullo. È prevista la presenza di Enrico Brignano, Mattia Sbragia, Edoardo Leo, Massimo Wertmüller, Emanuele Salce, Ugo Pagliai, Paola Gassman. Alessandro Gassmann quasi sicuramente non potrà partecipare: il piano di lavorazione ferreo del suo film da regista, Il silenzio grande, rischia di vincolarlo al set anche oggi. 

Gigi ​Proietti, la tv l’ultimo palco per l’addio: domani i funerali ma non ci sarà nessun corteo

Gigi Proietti, funerali giovedi in diretta tv su Rai 1: dalle 10 puntata speciale di UnoMattina


IL RITO 
La tappa successiva sarà piazza del Popolo: nella Basilica di Santa Maria in Montesanto, la chiesa degli Artisti, alle 12.30 si svolgeranno i funerali in forma privata e strettamente contingentati, riservati ai parenti (la moglie Sagitta, le figlie Susanna e Carlotta in prima fila) e agli amici più cari, in tutto un’ottantina di persone. Ad officiare il rito funebre, omelia compresa, sarà il rettore della Basilica Don Walter Insero, una singolare somiglianza con George Clooney e la consuetudine di benedire l’ultimo viaggio delle celebrità: ha celebrato le esequie di Luigi Magni, Fabrizio Frizzi, Giuliano Gemma, Mariangela Melato, Fred Bongusto, Bud Spencer. All’ex allievo del Laboratorio Marco Simeoli e a Loredana Scaramella, regista del Globe, toccheranno le Letture. Il Tg1, che cura la lunga diretta in collaborazione con Rai1, ha affidato il commento del rito a Don Filippo Di Giacomo, soprannominato “il principe dei vaticanisti” perché segue tutte le cerimonie papali. E in studio, a ricordare Gigi, ci sarà Alberto Angela che nelle ultime edizioni del suo programma Ulisse e il piacere della scoperta aveva ingaggiato l’attore come voce narrante. Lo raggiungerà Veronica Pivetti, partner di Proietti nel serial Il Maresciallo Rocca. «Gigi era un fuoriclasse, sapeva coinvolgerti in modo totale», ha postato Angela sui social, «ma la sua arte non era mai ostentata, metteva a proprio agio tutte le persone... Con la sua umiltà, la sua umanità e la sua semplicità, Gigi è stato uno degli uomini più veri, rispettosi ed umani che abbia mai incontrato». Dopo il funerale, Gigi Proietti verrà portato a Prima Porta per la cremazione.

Roma, il Globe Theatre sarà intitolato a Gigi Proietti: «La città gli dedica uno dei luoghi a lui più cari»


LO SHOW 
L’omaggio abbraccerà l’intera giornata: alle 14 andrà in onda su tutte le reti Rai una clip di 30 secondi, L’ultimo applauso, realizzata per ricordare Proietti. Rai Cultura riproporrà alle 15.30 su Rai5 A me gli occhi, please, il leggendario show portato da Gigi nei teatri di tutta Italia per tante stagioni. Registrato al Teatro Tenda di Roma nel 1976 con la regia di Roberto Lerici, lo spettacolo contiene i cavalli di battaglia dell’attore: imitazioni, improvvisazioni, maschere, stornelli, barzellette, monologhi, canzoni. Un fuoco d’artificio ininterrotto che dimostra il talento poliedrico di Proietti. 


GLI ANEDDOTI
All’Olimpico, nel pomeriggio, i calciatori della Roma, squadra del cuore dell’attore, giocheranno contro il Cluj con il lutto al braccio. Mentre Ostia intitola la Casa della Cultura a Gigi, la Casa del Cinema propone un omaggio sui social fatto di aneddoti, filmati, ricordi e le parole del direttore Giorgio Gosetti. E sta per nascere una borsa di studio intitolata a Proietti, destinata ai giovani attori: l’ha proposta Vittoria Casa, presidente della Commissione Cultura della Camera, insieme con i deputati 5stelle. Per mantenere vivo il ricordo di «un grande maestro e scopritore di talenti». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA