In classe con i topi tra i banchi: gli studenti scioperano

Sabato 12 Gennaio 2019
1
In classe con i topi tra i banchi: gli studenti scendono in sciopero
A scuola con i topi all’istituto di istruzione superiore Sandro Pertini di Genzano, dove molti studenti, da due giorni, si rifiutano di entrare per protestare contro la mancata soluzione al problema, nonostante gli interventi di derattizzazione che non hanno sortito effetto. Così i ragazzi, a cui hanno manifestato la loro solidarietà anche molti professori, hanno proclamato una sorta di “stato di agitazione”, sostando per tutto l’orario scolastico fuori dall’istituto di via Napoli per protesta.

«La nostra non vuole essere un’azione violenta o un escamotage per saltare le lezioni – dicono i rappresentanti degli studenti - tanto che ha trovato comprensione anche nei nostri prof e nel dirigente scolastico, visto che la situazione è sotto gli occhi di tutti e sembra peggiorare di giorno in giorno. Non si può venire a scuola in queste condizioni. Alcuni studenti sono terrorizzati dai topi e la mattina sono combattuti se venire a scuola oppure starsene a casa».

Nonostante il recente posizionamento di altre trappole, infatti, la presenza di ratti, anche di notevoli dimensioni, sembra aumentare ogni giorno che passa. Il problema è iniziato già poche settimane dopo l’avvio del nuovo anno scolastico quando oltre ai chiari segni del passaggio dei roditori, si sono succeduti più e più avvistamenti accompagnati da grida di terrore.

Gli studenti hanno dato la colpa al fatto che gli interventi effettuati dalla ditta incaricata dalla Città Metropolitana di Roma Capitale «sono stati effettuati in modo sommario e solo esternamente all’istituto», mentre le trappole posizionate sempre fuori l’edificio scolastico sono state accuratamente evitate dai roditori. Ieri mattina la protesta si è spostata fuori dalla sede del Comune di Genzano dove una cinquantina di studenti sono confluiti sulla via dell’Infiorato organizzando un sit-in per richiamare l’attenzione dell’amministrazione comunale.

I ragazzi, in tarda mattinata, sono stati ricevuti nella sala del Consiglio dal sindaco Daniele Lorenzon e da alcuni consiglieri comunali che hanno rassicurato sull’interessamento dell’amministrazione per risolvere, una volta per tutte la vicenda. Ultimo aggiornamento: 13:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Noi, viaggiatori compulsivi con destinazione “ovunque

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma