ROMA

Roma, gatto morto da due giorni in strada, i vigili lo recintano come una buca

Sabato 15 Giugno 2019 di Laura Bogliolo
7
Alla venticinquesima ora i famosi nastri gialli dei vigili hanno sigillato l'ennesimo schiaffo in faccia ai romani. Da giovedì mattina c'è un gattone morto davanti ai cassonetti di via Lanciani, a pochi passi da piazza Bologna. Un intero quartiere si è mobilitato per far portare via la carcassa, ma la soluzione, ancora una volta, è stata segnalare l'ostacolo. Come accade per le buche, i rami a terra, i marciapiedi dissestati, i cassonetti dati alle fiamme. Stavolta, però, dentro quel recinto sciatto c'è un gattone.

Lo chiameremo Gastone, rossiccio, probabilmente fuggito da qualche appartamento e investito, dicono i residenti. Gastone prima è stato coperto da un piccolo telo donato da un portiere, poi i vigili lo hanno piantonato, infine la soluzione del cartone e dei nastri gialli. Qualcuno ha messo anche dei fiori. «Non toccare c'è un gatto morto a disposizione dell'Asl veterinaria, 14 giugno 2019, ore 11.20» c'è scritto sul foglio lasciato dai vigili. In prima fila a combattere per la rimozione di Gastone, un residente, B. Finocchiaro:

«C'è stato un rimpallo di responsabilità tra vigili e Asl, giovedì ho fatto una quindicina di telefonate, mi dicevano che la competenza era di Ama, che l'Asl non era disponibile. Ho telefonato anche al gattile di via della Muratella, ma mi hanno detto che non era di loro competenza». Ieri mattina l'arrivo dei vigili: hanno piantonato Gastone in attesa della Asl. Poi sono andati via e hanno lasciato il gattone a terra come fosse una voragine da evitare. Alle 19.30 era ancora lì. Ultimo aggiornamento: 11:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il mese più caldo in aeroporto: 140 mila viaggiatori ogni 24 ore

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma