Roma, la gattara e i mici sequestrati e poi spariti: «Li rivoglio tutti»

Domenica 14 Aprile 2019 di Adelaide Pierucci
2
Ci sono ventitré gatti ricercati per Roma. Mici che chi ha avuto in affidamento non vuole restituire alla padrona. C’è Romeo, Milù, Fufi, Chicco, Perla e tanti altri. Ognuno col suo nome. Ognuno finito chissà dove. Almeno secondo una sessantenne di Montesacro che per riaverli si è rivolta in procura chiedendo l’apertura di un fascicolo per appropriazione indebita e rifiuto di atti d’ufficio. Il caso più che complesso è delicato. E ha una data di inizio, giugno 2018. In casa della donna bussa l’autorità giudiziaria: vive in un condominio e ha 47 gatti. Troppi. E, visto il numero, non tenuti a dovere. Le bestiole vengono sequestrate. 
 
Ognuno finisce in una gabbietta per essere trasferito in un gattile convenzionato col Comune. La donna è disperata, senza i suoi 47 gatti si sente persa. Allora trova una soluzione. Cambia residenza, sceglie un casale sul lungomare vicino Roma e chiede all’autorità giudiziaria la restituzione delle sue bestiole. I primi di febbraio i gatti vengono dissequestrati per ordine del giudice. È allora che per la signora, molto affezionata ai suoi gatti, si apre l’incubo. I funzionari incaricati del dissequestro non ottemperano subito. Solo dopo alcuni giorni, e il deposito della prima denuncia, alla donna vengono riconsegnati solo 17 gatti. Ed è allora che apprende che altri 7, chi più anziano chi con la salute cagionevole, invece, non ce l’avevano fatta, erano morti. Gli altri spariti. All’appello ne mancavano 23. «Rivoglio i miei gatti», insiste la signora. «Li voglio tutti, nella nuova casa». È allora che scopre che i gatti spariti non si sono volatilizzati, non sono stati soppressi, ma semplicemente dati in affidamento temporaneo. Materia di una seconda denuncia, l’appropriazione indebita. Dal gattile le informazioni sembrano arrivare col contagocce. I nomi di chi ha avuto Fufi, Romeo, Chicco e gli altri venti “fratellini”, in affidamento non viene rivelato per una questione di privacy. In procura è stato aperto un fascicolo. Non è chiaro se i “nuovi” padroni dei 23 gatti spariti vogliono evitare la restituzione perché preoccupati per la gestione della signora, una gattara con una media di 44 gatti in casa, o perché ritenevano di averli avuti in adozione e non se ne vogliono separare. La gattara ha il dissequestro in mano e pretende risposte giudiziarie. O semplicemente i suoi 23 gatti.  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Voti e pagelle, famiglie in tilt: «Ma con 5,78 passi lo stesso?»

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma