ROMA

Finti turisti all'hotel de Russie rubano orologi da 60 mila euro

Giovedì 15 Agosto 2019 di Elena Panarella
Finti turisti all'hotel de Russie rubano orologi da 60 mila euro

Si sono confusi tra la clientela e hanno approfittato di un momento di distrazione della vigilanza armata, sfidando le telecamere di sicurezza: un blitz in piena regola, che ha permesso ad una banda di ladri di accaparrarsi due orologi da 60 mila euro. Teatro dell'ennesimo colpo grosso, l'hotel extralusso de Russie, che al suo interno ospita negozi di alcune grandi griffe. I malviventi questo lo sapevano bene e hanno agito a colpo sicuro: sono riusciti a forzare una vetrina (noncuranti del personale dell'hotel e della sicurezza che opera all'interno della struttura a due passi da piazza del Popolo e da piazza di Spagna) e hanno messo le loro mani su due preziosi Audemars Piguet.

LEGGI ANCHE --> Assalto armato nell'outlet The Mall: banda fa razzia da Swarovski

LE VETRINE
Il fatto è successo domenica sera, quando i clienti avevano terminato di cenare nel giardino al piano terra: è qui, lungo il corridoio che conduce al ristorante, che si trovano le vetrine di alcuni brand importanti di abbigliamento e anche di orologi. Gli investigatori ipotizzano che i malviventi siano stati disturbati da qualcuno: nelle vetrine, infatti, vengono esposti più orologi, mentre ne sono stati sottratti solo due. Nessuno sembra però essersi accorto di niente: neanche i clienti, tra i quali molti facoltosi stranieri (tanti dai paesi arabi) disposti a pagare svariate centinaia di euro per dormire una notte in quelle lussuose stanze. L'hotel, in passato, ha ospitato artisti internazionali, principi, letterati. E per la splendida cornice in cui si trova, resta un luogo magico.

LA RICOSTRUZIONE
Ma gli orologi in bella vista nella vetrina, devono aver fatto proprio gola ai ladri che, domenica sera, confusi tra i clienti hanno imbracciato un attrezzo, e razziato i pezzi di valore. Si sono infilati nel corridoio dove c'è l'esposizione, sembravano turisti interessati ad acquistare quei preziosi. Modi affabili, portamento elegante e sguardo attento. E invece erano i più classici dei ladri: gli è bastato un attimo di distrazione di chi lì ci lavora per arraffare i primi due orologi a portata di mano, preziosi Audemars Piguet, per un ammontare di oltre 60 mila euro.

LE INDAGINI
Sul caso indagando i carabinieri di Piazza San Lorenzo in Lucina e gli investigatori di via In Selci, che dopo aver raccolto la denuncia della proprietaria dei pezzi in esposizione, hanno visionato le immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza. Ricostruiamo l'accaduto, secondo quanto accertato finora dai militari.
Sono passate le 22 di domenica, due uomini, forse dopo aver preso un aperitivo, fanno finta di guardare incuriositi gli oggetti e i vestiti esposti lungo il corridoio al piano terra. Forse fuori c'è qualcuno ad aspettarli. Si avvicinano alla vetrina e senza rompere il vetro forzano l'apertura. Tirano fuori il primo, poi il secondo orologio e quando stanno per prenderne un altro sono disturbati da qualcosa, forse da turisti (quelli veri) o dai camerieri del ristorante. Fatto sta che mollano la presa, due sono già un bel bottino, e per non farsi beccare si allontanano alla chetichella. Quando si sono resi conto del furto, ormai erano già lontani. Ora è caccia aperta ai ladri.
Qualche anno fa, una serie di furti nell'hotel. Si era scoperto che un magazziniere aveva sottratto flaconi di bagnoschiuma, shampoo, pettinini di plastica e cuffie per la doccia. Ma anche più di cento bottiglie di vino e liquori costosi. E poi ancora confezioni di cibo e prodotti alimentari di ogni genere. Un insolito bottino dal valore di oltre 20 mila euro. Tutto proveniente dalle scorte dell'hotel de Russie e nascosto in casa del dipendente infedele.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Chiamare il 112 svedese e scoprire che è peggio di quello di Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma