Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Fratelli' ho preso il muro»: nei guai l'autore del video, fermato dai vigili

"Fratelli' ho preso il muro": nei guai l'autore del video, fermato dai vigili
2 Minuti di Lettura
Lunedì 25 Maggio 2020, 15:54 - Ultimo aggiornamento: 26 Maggio, 09:44
Fermato l'ex rapper Algero Corredini, in arte 1727wrldstar, diventato famoso sui social tra i giovani, negli ultimi giorni, per la frase "Fratelli', ho preso il muro...". È stato dunque fermato questa mattina dagli agenti della polizia di Roma Capitale l'ex rapper, che ha trasformato gravi infrazioni stradali in un video virale. Il ventitreenne romano ha avuto comportamenti che hanno rischiato di provocare serie conseguenze (ha colpito anche un muretto) ad altri automobilisti in quel momento sulla strada, istigando pericolosi comportamenti emulativi.



Ad intercettarlo a bordo del suo veicolo, è stata una pattuglia del GPIT (Gruppo Pronto Intervento Traffico) della polizia locale, dopo alcuni giorni di accertamenti.  Gli agenti hanno proceduto al ritiro della patente di guida in via cautelativa, con successivo inoltro del documento alla Prefettura per l'avvio delle procedure di rito.

Il ventitreenne è stato inoltre sanzionato per la violazione di alcune norme al codice della strada ed il veicolo è stato posto sotto sequestro in quanto non in regola con le disposizioni previste per la circolazione sul territorio italiano delle auto immatricolate all'estero.

Il giovane, una volta accompagnato al Comando Generale del Corpo, è stato richiamato, anche in presenza dei genitori,  a non proseguire con comportamenti che, oltre a mettere a repentaglio la sua vita e quella altrui, rischiano l’emulazione da parte di altri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA