Covid a Roma, focolaio alla “Chizzolini”: 28 contagiati, via ai tamponi di massa a scuola

Covid a Roma, focolaio alla Chizzolini : 28 contagiati, via ai tamponi di massa a scuola
di Flaminia Savelli
4 Minuti di Lettura
Venerdì 12 Febbraio 2021, 07:14

In fila per il tampone ed escludere, prima del rientro in classe, di essere positivi al Covid 19 e alla variante inglese. Lo screening su 500 piccoli studenti della Chizzolini, l'istituto comprensivo del Villaggio Prenestino periferia Est della Capitale, è iniziato ieri mattina. I genitori sono stati convocati nella struttura di via Fosso dell'Osa dove fino a sabato verranno eseguiti esami e test.

Covid Lazio, allarme per le varianti. I pediatri: «10 casi sospetti»


Tre test - mercoledì- sono già risultati positivi al ceppo «VOC 202012/01», la Variant of Concern, emersa nel Sud della Gran Bretagna sul finire del 2020 e diventata la mutazione più diffusa del Regno Unito.
Ieri il primo gruppo di genitori e bimbi è arrivato alla spicciolata. Con i piccoli in maschera, vestiti da Batman e Spiderman: «I nostri figli non si incontrano ormai da quasi due settimane, oggi (ieri n.d.r) per il giovedì grasso abbiamo pensato almeno di farli venire in maschera per il tampone» spiegava una mamma mentre accompagnava la figlioletta. Tra paura e polemiche: «Sui casi di positività alla variante- spiega un papà- non abbiamo ricevuto nessuna comunicazione ufficiale dalla scuola che invece ci ha inviato le nuove disposizioni per il tampone». Nel foglio alle famiglie è stata inviata la chiamata in istituto per eseguire il test. «È la prima volta che ci dicono di venire a scuola. Inoltre, i bambini avrebbero dovuto sottoporsi al test sabato, al termine dell'isolamento fiduciario invece hanno anticipato per tutti la data. Non siamo solo preoccupati per la variante, siamo anche molto confusi per queste informazioni che arrivano poco chiare e a singhiozzo» dice ancora il papà.


LA CHIUSURA
La mattina del 29 gennaio, dopo il primo tampone positivo di una maestra, era arrivata la chiusura di una sola sezione della materna. Sono quindi scattati i controlli su tutte le altre classi. Con il totale dei positivi che, al primo giro di esami, ha toccato quota 28 contagiati. Con un effetto domino, per i piccoli studenti è stato disposto l'isolamento fiduciario e quindi la chiusura dei cancelli. Un cluster che aveva fatto scattare il livello di allerta. Mentre nei laboratori dello Spallanzani, su disposizione della Asl Roma 2, sono iniziate le ricerche sulle sequenze delle varianti del virus. Con i primi risultati arrivati mercoledì. E la conferma dei primi tre positivi alla variante inglese: «Verranno sequenziati anche questi ultimi tamponi, per escludere che il nuovo virus si sia diffuso» spiegava ieri un altro genitore. Con le rassicurazioni della diregenza scolastica e della Asl che hanno ribadito: «La situazione è sotto controllo, Abbiamo chiuso tempestivamente, dopo i primi casi». Intanto, almeno per il momento, è stata confermata per lunedì la riapertura della scula di via Fosso dell'Osa.

Covid, scoperta a Trieste nuova mutazione in una bimba: «Ma è più pericolosa per gli adulti»

Covid, con le varianti cambiano i sintomi: dal mal di testa ai brividi, le 4 spie del contagio

Covid Macerata, grave un ragazzo di 29 anni senza altre patologie. E' ricoverato in terapia intensiva a Torrette

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA