Focene, il bunker della II guerra mondiale non si tocca: è un monumento di rilevanza storico-artistica

Il bunker di Focene
di Umberto Serenelli
3 Minuti di Lettura
Venerdì 24 Settembre 2021, 17:14

È un monumento di rilevanza storico-artistica il bunker della seconda guerra mondiale che si trova a Focene. È riportato nel decreto del Ministero per le Attività culturali - Commissione regionale per il patrimonio culturale del Lazio, dello scorso luglio, che fa leva sulla proposta di tutela dell’immobile avanzata dalla Soprintendenza archeologica per l’area metropolitana di Roma, la provincia di Viterbo e l’Etruria meridionale. Per la costruzione di un edificio privato, su viale Focene incrocio via delle Acque Basse, la ditta aveva iniziato a demolire il fortino, lo scorso anno, con l’ausilio di un martello pneumatico. L’iniziativa ha scatenato le proteste del “Comitato Fare Focene” che manifestava il dissenso con un sit-in di protesta che portò allo stop delle operazioni di rimozione della struttura in cemento armato costruita durante l’ultimo conflitto bellico a difesa degli sbarchi dal mare.

DOVEVA IMPEDIRE GLI SBARCHI

«Venne realizzato dai tedeschi che avevano installato al centro una grossa mitragliatrice – afferma l’89enne residente Giuseppe Piastra, che da giovane ha visto costruire l’avamposto militare -. Sotto ci sono alcune stanze dove dormivano i soldati e conservavano armi e munizioni. Ricordo che una casa impediva dalla torretta la completa visibilità del litorale e i militari non si fecero scrupoli a demolirla. Nel dopo guerra con altri ragazzi di Focene ci andavamo a giocare». Il bunker si trova a poche centinaia di metri dalla battigia, lungo la principale strada della località marinara e a pochi passi dall’impianto idrovoro dove ancora oggi convergono i canali di bonifica che attraversano la vasta zona agricola di Maccarese. «Il bunkerino di Focene – sottolinea Lorenzo Grassi, coordinatore del Gruppo Ipogei Bellici dell’associazione Sotterranei di Roma – non è un semplice rudere di cemento ma un tassello importante del sistema difensivo dei “caposaldi” realizzati durante l’ultima guerra per prevenire un eventuale sbarco sul litorale romano. Va dunque valorizzato e reso visitabile come avvenuto in altri parti d’Italia».

UNA VITTORIA DEI RESIDENTI

La decisione della Commissione regionale, presieduta da Leonardo Nardella, è stata accolta con soddisfazione dei residenti della cittadina a vocazione balneare. «Questo riconoscimento è una vittoria per la comunità – commenta Alessandro Spagnolo, portavoce del Comitato Fare Focene -. La decisione ribalta completamente quella che poteva essere la sorte di questo manufatto se, nel novembre 2020, non ci fossimo mobilitati per bloccare l'abbattimento. Ora dobbiamo pensare al recupero e alla ricostruzione, rispettando fedelmente il profilo originale. Stiamo già lavorando con il supporto di esperti: confidiamo in un contributo per gli interventi di ristrutturazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA