Fiumicino, chiuso il locale "Opera" per violazione norme anti-covid: accalcati 250 ragazzi senza mascherine

Sabato 11 Luglio 2020

Un assembramento di 250 ragazzi dai 14 ai 24 anni, senza mascherine, ad ascoltare musica e bere. E' successo a Fiumicino, al locale "Opera", dove è scattato l'altra notte l'intervento della Polizia di Stato che ne ha diposto subito la chiusura per violazione dei protocolli anti-CovidAncora un locale chiude a Fiumicino per ricschio contagio. E' accaduto nel corso dei servizi straordinari di controllo del territorio, quando la Polizia di Stato ha proceduto alla chiusura immediata e per 5 giorni dell'Opera.

Roma, movida fuori controllo a piazza Bologna: assembramenti, alcol e zero mascherine. Chiusi diversi bar

All'arrivo sul posto il personale del Commissariato di Fiumicino si è trovato di fronte circa 250 giovani di età compresa tra i 14 e i 24 anni, accalcati e privi dei dispositivi di protezione individuali, che ascoltavano musica ad alto volume che arrecava disturbo all'intero vicinato. Anche il personale del locale non indossava i dispositivi di protezione e non era stato istituito il registro per rintracciare gli avventori in caso di focolaio infettivo. Sono state riscontrate anche numerose violazioni amministrative. Inoltre, erano stati collocati, senza autorizzazione, tavolini all'aperto in prossimità di un palazzo fatiscente.

Questa mattina, su richiesta della Polizia di Stato, sono intervenuti i Vigili del Fuoco che hanno constatato l'imminente pericolo per l'incolumità pubblica e disposto l'immediato transennamento dell'area utilizzata abusivamente. Il locale in questione, che per analoghi motivi nelle scorse settimane era già stato sanzionato e chiuso per alcuni giorni dal Commissariato di Fiumicino, era da tempo oggetto di esposti e di chiamate al NUE 112 da parte dei residenti, esasperati dagli schiamazzi e dalla musica ad alto volume fino a tarda notte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA