Roma, finge malore e una donna lo soccorre: lui la rapina e accoltella a Primavalle

L’uomo ha simulato uno svenimento e si è accasciato in strada. La 51enne ferita è stata medicata in ospedale in codice giallo

Primavalle, finge malore una donna lo soccorre: lui la rapina e accoltella
di Marco De Risi
4 Minuti di Lettura
Domenica 8 Maggio 2022, 22:57

Una rapina dalle modalità sconcertanti. Un uomo ha finto di avere un malore, simulando di svenire in strada. Persuasa dalla messa in scena una donna, che si trovava nelle vicinanze, si è precipitata a prestargli soccorso. In quel momento, lui l’ha afferrata, le ha sferrato due coltellate e le ha sottratto la borsa, dandosi poi alla fuga. Sulle sue tracce ci sono adesso gli agenti della polizia.

Roma, Ncc carica la turista Usa e le ruba tutti i gioielli: furto da 35mila euro

LA RICOSTRUZIONE

L’episodio risale a sabato sera, ed è accaduto in via Pietro Maffi, alle spalle di Torrevecchia, Primavalle. La signora ferita ha 51 anni. Secondo le prime ricostruzioni, l’aggressore sarebbe un uomo di colore, che accasciandosi ha fatto cadere a terra anche il cellulare che aveva in mano. Non appena la donna si è avvicinata, il bandito si è alzato di scatto e con un coltello l’ha colpita a un gluteo e a un braccio. Così le ha strappato la borsa dalle mani. A quel punto è scappato facendo perdere ogni traccia. Nel giro di poco sono arrivate diverse pattuglie della polizia e un’ambulanza, su cui è salita la donna, residente nella zona, che è stata trasportata al pronto soccorso dell’ospedale San Filippo Neri in codice giallo. Qui le sono state medicate le due ferite e applicati diversi punti di sutura, ma le condizioni sono state giudicate complessivamente buone.

IL BOTTINO

Secondo la polizia l’aggressore, considerato molto pericoloso, potrebbe ripetere colpi simili. Per questo gli agenti lo starebbero cercando senza sosta. Seppur approssimativo, dell’uomo c’è un identikit fornito proprio dalla vittima. La donna, però, ancora in preda alla paura non si è ricordata bene i tratti somatici del criminale. L’aggressione, inoltre, è avvenuta anche in un punto piuttosto buio della strada. 
Magro anche il bottino: in totale circa 50 euro che erano custoditi nel portafoglio della signora. Un risultato davvero esiguo nonostante il copione violento seguito dal bandito.

IL RACCONTO

«Stavo camminando per tornare a casa - ha dichiarato la donna ferita alla polizia - Saranno state le 9 di sera. A un certo punto ho visto un giovane di colore che mi camminava vicino accasciarsi a terra e che ha fatto cadere dalle mani il cellulare. Insomma, non ho avuto dubbi che si stesse sentendo davvero male. Per questo mi sono avvicinata a lui pronta a chiamare i soccorsi».

Poi il colpo di scena: «Allora, però, ha avuto un guizzo. Si è rimesso in piedi e mi ha colpita con un coltello. Ho sentito due fitte, una a un fianco, l’altra a un braccio. Poi, ho visto che mi ha strappato la borsa ed è fuggito. Quando ho capito che ero ferita ho avuto molta paura. Ho subito chiamato i soccorsi». Gli agenti di polizia, come spesso avviene in situazioni simili, si stanno concentrando anche sulle telecamere che sono poste nella zona circostante. Nel luogo esatto dell’aggressione infatti non ci sarebbero occhi elettronici. Gli investigatori, anche per questo, starebbero visionando quelle dislocate nelle vie limitrofe nella speranza che abbiano immortalato l’uomo prima o dopo la rapina. La notizia dell’accoltellamento si è sparsa in fretta per i negozi della zona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA