Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Vigna Clara, dopo 30 anni riapre la stazione: da oggi 9 treni giornalieri con Roma-Ostiense

Vigna Clara, dopo 30 anni riapre la stazione: da oggi 9 treni giornalieri con Roma-Ostiense
3 Minuti di Lettura
Lunedì 13 Giugno 2022, 09:35 - Ultimo aggiornamento: 14 Giugno, 11:09

Dopo oltre 30 anni, ha riaperto i battenti la stazione di Vigna Clara a Roma. Ad inaugurare il rinato impianto ci ha pensato questa mattina il Regionale 5980 effettuato dal TAF n.29 che è giunto con un minuto di anticipo alle 7:12 nell'unico binario presente nella stazione. Ad accogliere il treno c'erano diverse persone, tra giornalisti, appassionati e soprattutto, abitanti del quartiere che su questo come sugli altri convogli previsti dal lunedì al sabato dovranno viaggiare su questa linea.

Da oggi, dunque, i cittadini della zona Nord della Capitale potranno nuovamente salire su uno dei nove treni che limitatamente ai giorni feriali percorreranno andata e ritorno i circa sette chilometri di ferrovia che vanno fino a Roma Ostiense, passando per le stazioni di Valle Aurelia, Roma San Pietro, Quattro Venti e Roma Trastevere.

Roma, «Mettete la mascherina», autisti Atac aggrediti e sequestrati sul bus: 3 arresti

«Alle 7.42 è partito il primo treno dalla Stazione di Vigna Clara. Quella di oggi per il nostro Municipio, ma anche per tutta la città, è una giornata storica: un sogno che si realizza, oltre che un traguardo finalmente raggiunto. Una vicenda lunga che ci ha visto a lavoro dal 2015 quando, nel corso della vecchia consiliatura, ci ritenevano dei folli per aver avuto l’idea di riprendere in mano il progetto della stazione fantasma. Lo stesso periodo in cui abbiamo con forza fatto finanziare e avviare i lavori, per poi completarli» ha dichiarato in una nota il Presidente del Municipio XV, Daniele Torquati. «Un percorso lungo e complicato ma chi ci ha visto sempre, sia in maggioranza che in opposizione, schierati a favore dell’apertura. Un lavoro congiunto tra amministrazioni, per cui ringrazio gli assessorati alla mobilità e al trasporto di Roma Capitale e Regione Lazio, che hanno permesso dopo anni e tanti sforzi di arrivare fin qui. Non è finita però, la giornata di oggi oltre che un traguardo deve anche essere un ulteriore passo per arrivare finalmente al completamento della riqualificazione dell’area. Un progetto complessivo più ampio che necessariamente richiede un piano a breve, medio e lungo termine di Rfi. Primo tra tutti il parcheggio di via Monterosi, un progetto proposto da noi nel 2017, ripreso nel consiglio straordinario di fine febbraio, ma che potrà essere realizzato solo il prossimo anno»

Pescara-Bari, una ferrovia bloccata da burocrazia e dai nidi di uccello. Faro della Corte dei conti

Ripercorrendo la storia,  questa stazione venne costruita per i Mondiali di Calcio di Italia '90. Costata decine di miliardi di lire, rimase operativa per appena otto giorni, prima di smettere di funzionare in seguito a un esposto da parte di alcuni residenti per presunti problemi di sicurezza e di salute pubblica. Dopo 25 anni, nel 2015, la possibilità di una riattivazione in vista del Giubileo straordinario dell'anno successivo sembrò più che concreta, ma una serie di ricorsi al Tar bloccarono nuovamente tutto. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA