Genzano, lo spettro di un piromane: a fuoco un'altra macchina nella notte

I vigili del fuoco spengono l'auto a fuoco a Genzano
di Tiziano Pompili
2 Minuti di Lettura
Sabato 27 Novembre 2021, 14:40

C’è qualche preoccupazione tra i cittadini di Genzano per la possibile presenza di un “piromane delle auto”. Ieri si è verificato il secondo episodio sospetto nel giro di una settimana e quindi l’ipotesi della “casualità” inizia a perdere quota. Ad andare in fiamme, tra le 3 e le 4 del mattino, è stata una Toyota Yaris parcheggiata in via della Selva (nella zona rurale di Genzano, davanti ai cancelli della vecchia sede del consorzio dei vini e cantina sociale), a distanza da altre auto. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia e del nucleo radiomobile di Velletri oltre ai vigili del fuoco di Nemi che hanno spento le fiamme alte e minacciose nel giro di pochi minuti. Il crepitio del fuoco e il suono delle sirene degli operatori hanno svegliato i residenti. L’autovettura, andata completamente distrutta, è risultata di proprietà di una giovane donna che vive nei paraggi. Anche questa volta l’incendio è scoppiato di notte, esattamente come nel caso delle sette auto andate a fuoco qualche giorno fa in via Pandolfi (in una zona a ridosso del centro cittadino nei pressi della tangenziale Berlinguer e di via De Gasperi). C’è massimo riserbo nelle indagini portate avanti dai carabinieri della compagnia di Velletri diretti dal capitano Andrea Semboloni e dal nucleo operativo e radiomobile e dalla stazione di Genzano.
Per i carabinieri non dovrebbero esserci collegamenti tra i due episodi notturni visto che si tratta di due zone distanti alcuni chilometri una dall’altra, ma anche in considerazione di altre piste che si stanno seguendo. In ogni caso si stanno esaminando le videocamere presenti nelle zone e si stanno ascoltando tutti i proprietari delle auto che negli ultimi giorni hanno subito la medesima sorte per carpire qualche indicazione preziosa. In via Pandolfi, ad esempio, il rogo principale era partito dalla prima auto (di proprietà di una ragazza del posto), poi il fuoco con la benzina fuoriuscita a terra si era propagato in discesa verso le altre auto coinvolgendole nelle fiamme e costringendo ad un paio d’ore di lavoro i vigili del fuoco di Velletri e Nemi prontamente intervenuti con l’ausilio di due autobotti. In quel caso ad andare distrutte erano state due Fiat Panda nuove, un furgone da lavoro di un fornaio, una Toyota Corolla, una Ford Fiesta, un’altra macchina di grossa cilindrata e una Smart di una ragazza che, al momento di prendere la macchina la mattina attorno alle 8 per andare al lavoro, aveva avuto un malore vedendola carbonizzata. Incendi di questo tipo non si verificavano a Genzano da circa due anni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA