COVID

Dpcm Roma, in palestra nonostante i divieti: multati proprietario e clienti in zona San Paolo

Sabato 14 Novembre 2020
Controlli negli impianti sportivi che dovevano essere chiusi dal 26 ottobre

Era chiaro il penultimo Dpcm per contenere i contagi da Coronavirus: palestre e piscine chiuse dal 26 ottobre. Ma c'è chi ha ignorato regole e buon senso e ha tenuto aperto i locali e tanti clienti hanno continuato a frequentarli: fino a questa mattina quando i poliziotti sono andati a chiudere una palestra in zona San Paolo. Il titolare è stato sanzionato, come pure gli avventori. I controlli sono proseguiti: nove gli esercizi commerciali controllati e 49 le persone che non hanno rispettato le nuove misure anti covid. Il primo locale che i poliziotti del distretto di polizia San Paolo hanno controllato è un circolo privato gestito da un uomo con numerosi precedenti e frequentato da persone con precedenti.

In particolare, gli agenti hanno constatato che l'ingresso era consentito indiscriminatamente a tutti gli avventori i quali, non solo non indossavano mascherine di protezione ma non rispettavano il prescritto distanziamento, fumando e bevendo birre. Per questo, terminati tutti gli accertamenti, è stata inoltrata la segnalazione alla Divisione polizia amministrativa e sociale al fine di predisporre il decreto di chiusura da parte del Questore. Il proprietario, invece, è stato denunciato per violazione art 110 Tulps (violazioni relative alle normative riguardanti sale da gioco). Contestate ulteriori 15 sanzioni amministrative per un importo complessivo pari a 12 mila euro. 

Covid, piscine e palestre in piazza a Roma: «Lo sport merita rispetto». Al loro fianco Rosolino

 

Fitness, danza e yoga, i forzati delle lezioni on line: «Ma senza il contatto fisico niente emozioni»

© RIPRODUZIONE RISERVATA