Roma, soldatessa si uccide con la pistola d'ordinanza nella metro Flaminio: ha lasciato una lettera

Martedì 17 Dicembre 2019
4

Una militare donna dell'Esercito si è uccisa con la propria pistola d'ordinanza, nei bagni della stazione Flaminio della metro A di Roma. Inutili i soccorsi. La militare, che aveva 30 anni, era in servizio operativo su Roma e si sarebbe uccisa con l'arma in dotazione. Secondo le prime informazioni, aveva iniziato il suo turno alle 7 e alle 8:40 si è tolta la vita.

La donna aveva 30 anni ed era in servizio nel reparto Genio di Piacenza. La ragazza, a quanto apprende l'Adnkronos, era nell'Esercito da 5 anni e in servizio in Strade Sicure dall'estate scorsa.
La soldatessa ha lasciato una lettera di 15 pagine per spiegare i motivi del suo tragico gesto. All'origine ci sarebbero ragioni personali. La lettera è ora al vaglio del pm e del procuratore aggiunto Nunzia D'Elia che ha aperto un
fascicolo in cui, come avviene in questi casi, si ipotizza il reato di istigazione al suicidio. Sul posto questa mattina, oltre il pm di turno della Procura ordinaria, carabinieri e 118, si è recato anche il pm di turno della Procura militare.

Militare suicida a Palazzo Grazioli, l'Esercito: «Motivi sentimentali»

La stazione Flaminio è stata chiusa per permettere l'intervento delle forze dell'ordine. I treni al momento transitano senza fermarsi. 
 

 

​Scale metro A, flop collaudi: Barberini non apre a Natale

 

Ultimo aggiornamento: 18 Dicembre, 07:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Che cosa fa litigare i negozianti e i padroni dei cani

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma