Movida violenta, tre discoteche chiuse in una settimana: a Roma è allerta

Movida violenta, tre discoteche chiuse in una settimana: a Roma è allerta
di Marco Pasqua
3 Minuti di Lettura
Giovedì 11 Aprile 2019, 10:03 - Ultimo aggiornamento: 19 Aprile, 13:22

Qualcuno, tra gli addetti ai lavori, ormai cita una delle frasi simbolo di “Highlander”: «Ne resterà soltanto uno». E a giudicare dalle ultime mosse della Questura, quel presagio non è poi così distante dalla realtà. Nell’ultima settimana sono state chiuse tre discoteche “simbolo” della movida nei diversi quartieri in cui sono collocate: la Locanda Atlantide (San Lorenzo), il Factory (Ponte Milvio) e l’Alibi (a Testaccio). Tre chiusure, sulla base dell’articolo 100 del Tulps (testo unico delle leggi di pubblica sicurezza): quello che consente al questore di sospendere la licenza di un esercizio, nel quale sino avvenuti «tumulti o gravi disordini», o che «sia abituale ritrovo di persone pregiudicate o pericolose» o che, comunque, «costituisca un pericolo per l’ordine pubblico». I provvedimenti non arrivano a caso, ma dietro preciso input del nuovo questore, Carmine Esposito. «Le norme ci sono e vanno rispettate: in questo, la linea è della tolleranza zero», avvisa Angela Cannavale, da un anno a capo della polizia amministrativa di via San Vitale. «Queste chiusure – spiega – non hanno solo uno scopo sanzionatorio, ma preventivo. Sono decisioni prese nell’interesse esclusivo di chi frequenta questi locali». 

RISSE E ACCOLTELLAMENTI
L’ultimo a chiudere i battenti, in ordine di tempo, è stato, ieri, l’Alibi, tempio della trasgressione già dagli anni Novanta e, oggi, nel mirino della polizia per «motivi di ordine e sicurezza pubblica». Nove gli episodi complessivi contestati dagli agenti relativi al solo 2019. L’ultimo è stato registrato lo scorso weekend, quando un ragazzo egiziano è stato accoltellato al petto fuori dal locale, in seguito ad una lite scaturita all’interno. Dieci i giorni di prognosi riservati al malcapitato. A marzo, invece, un cliente si era rivolto alla polizia in seguito ad un’aggressione da parte di un rapinatore; un’altra persona, invece, era stata colpita al volto durante una scazzottata. Questi i fatti più gravi, ai quali se ne aggiungo altri 6, tutti registrati nei primi 4 mesi di quest’anno. L’anno scorso, invece, gli episodi contestati, nel provvedimento del questore, sono 7: riguardano risse e reati contro la persona e il patrimonio. Lo scorso fine settimana, invece, era toccato alla Locanda Atlantide, a San Lorenzo: una zona particolarmente “attenzionata” dopo la morte di Desireé. Nella discoteca, che si trova a pochi metri da dove, lo scorso ottobre, fu trovato il corpo della sedicenne, gli agenti hanno riscontrato la «presenza di pregiudicati» e «carenze strutturali». 

SICUREZZA PUBBLICA
«A febbraio avevamo già visitato la struttura – spiega ancora la Cannavale – e avevamo disposto 15 giorni di chiusura. Ma i gestori hanno scelto di n on rispettare le norme e così siamo passati al sequestro». Numerose le violazioni penali contestate: sistema antincendio carente, una uscita di emergenza chiusa, buttafuori non in regola. «Vista la necessità di tutelare l’incolumità e la sicurezza pubblica, considerando la reiterazione del reato, si è proceduto al sequestro del locale», ricorda la polizia. Sempre lo scorso weekend, un altro provvedimento, più “soft”: tre giorni di chiusura per il Factory, luogo cult per Roma Nord (il proprietario ha già annunciato ricorso al Tar). I controlli, fanno sapere dalla Questura, procederanno senza sosta, ogni weekend.

© RIPRODUZIONE RISERVATA