Diabolik, mercoledì i funerali blindati: allerta in città

Lunedì 19 Agosto 2019
2
Diabolik, la sorella Angela: «Lasciateci affrontare il nostro dolore»

Al termine di una lunga trattativa alla fine i funerali di Fabrizio Piscitelli, il Diabolik della Curva Nord della Lazio freddato da un colpo di pistola alla nuca dieci giorni fa, si faranno. Ma saranno a numero chiuso. Alla cerimonia funebre, che si terrà mercoledì prossimo alle 15 al Divino Amore, sarà concesso l'ingresso solo a 100 persone indicate dalla famiglia dell'ex capo ultras. La zona in cui sarà celebrata la funzione sarà completamente off limits con un dispiegamento di forze dell'ordine a monitorare la situazione. 

LEGGI ANCHE --> Diabolik, sfuma il tentativo di mediazione e ora cresce l’allerta per il derby

Le misure di sicurezza sono al vaglio della questura, che terrà sotto controllo l'afflusso dei tanti tifosi, non solo laziali, che mercoledì prossimo vorranno dare il loro ultimo saluto a Piscitelli. Di sicuro un posto sarà riservato ad una rappresentanza degli Irriducibili, la frangia estrema della curva Nord di cui Diabolik è stato per anni leader e ispiratore. «Parteciperemo ai funerali di Fabrizio come nel nostro stile, in assoluto rispetto, silenzio e compostezza», la promessa dei tifosi biancocelesti in una nota. I funerali di mercoledì arrivano a oltre una settimana dal 13 agosto scorso, la data decisa dalla questura per i funerali in forma privata per motivi di sicurezza. Una decisione che aveva scatenato le polemiche dei familiari di Piscitelli, che decisero di non partecipare alla cerimonia lasciando il cadavere dell'ex capo ultras nell'Istituto di Medicina Legale. In una lunga lettera al questore, Carmine Esposito, la moglie di Diabolik motivò la decisione respingendo con forza la cerimonia privata. Oggi, a distanza di giorni, si è arrivati all'accordo.

Massima attenzione sarà però posta dalla questura all'area antistante il Santuario del Divino Amore, sull'Ardeatina, considerando la carriera criminale della vittima e il suo legame con gli ambienti della malavita romana. «Tutte le tifoserie e i tanti amici di Fabrizio - è l'appello lanciato oggi dagli Irriducibili - sono raccomandate di assumere un atteggiamento di educazione esemplare per tutta la cerimonia funebre. Non sarà di certo quel giorno il momento in cui cadere in squallide provocazioni, tese da sciacalli e occhi indiscreti». Dalla tifoseria biancoceleste è arrivato anche l'invito ad evitare «composizioni floreali» partecipando invece alla raccolta fondi a sostegno della Lega Italiana Fibrosi Cistica Lazio che sarà organizzata sul posto. Stesso appello lanciato dalla figlia di Piscitelli, Giorgia, che ieri sui social network ha ricordato il papà con una poesia.
 

Ultimo aggiornamento: 20:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani