Diabolik: l'andatura, il volto, l'altezza. Così il super computer ha riconosciuto l'assassino

Diabolik: l'andatura, il volto, l'altezza. Così il super computer ha riconosciuto l'assassino
di Michela Allegri e Camilla Mozzetti
4 Minuti di Lettura
Domenica 19 Dicembre 2021, 10:37 - Ultimo aggiornamento: 20 Dicembre, 11:33

Una chiara compatibilità antropometrica e una corrispondenza sui passi della corsa: le fattezze dell'uomo vestito da runner ripreso dal sistema di videosorveglianza di un palazzo di via Lemonia, di fronte alla panchina dov'era seduto Fabrizio Piscitelli prima di morire, sono risultate conformi a quelle di Raul Esteban Calderon, arrestato per l'omicidio del capo ultrà dagli agenti della Squadra Mobile di Roma. A dirlo è stata la perizia tecnica, disposta dalla Procura ed eseguita dal professor Andrea Maria Lingua, ordinario al politecnico di Torino. L'agguato è stato ricostruito al computer grazie ad un laser scanner terrestre che ha collocato sulla scena del crimine digitale l'indagato.

Diabolik, così il super computer ha riconosciuto l'assassino

 


Il video in mano agli inquirenti già a poche ore dal delitto, avvenuto il 7 agosto 2019, è considerato una prova schiacciante per chiudere il cerchio sul cinquantaduenne argentino, nato come rapinatore e divenuto poi, secondo l'accusa, un sicario. Per spiegare come è stata svolta la super perizia, bisogna tornare al 29 aprile scorso. Calderon è già sospettato dell'omicidio di Diabolik. Ci sono le intercettazioni ambientali raccolte nel carcere di Rebibbia e il racconto di una donna vicina all'argentino. Mancava però una prova tecnica che suffragasse l'impianto accusatorio degli investigatori della Mobile, ed è così che la Procura di Roma ha ingaggiato il professor Lingua, che già in passato, proprio con le perizie antropometriche, aveva contribuito alla risoluzione di diversi casi, tra i quali l'omicidio di Alberto Musy, avvocato e consigliere comunale torinese, ucciso sotto casa nel 2012. E così, al Parco degli Acquedotti, il 29 aprile va in scena un nuovo sopralluogo.

Diabolik, il killer in Italia da irregolare: Calderon era pronto alla fuga


IL SOPRALLUOGO
Il professor Lingua insieme ad alcuni collaboratori colloca in strada un laser scanner terrestre, uno strumento che serve a riprodurre la tridimensionalità di una scena e a tratteggiare cosa e quanto, anche in termini fisici, possa entrare nel campo visivo. Lo strumento viene direzionato sulla panchina, dall'altezza del palazzo e di quella telecamera di videosorveglianza che ha immortalato l'omicidio. Partono le analisi, che durano non più di due ore. L'intera scena viene ricreata al computer e poi viene sovrapposta al video originario nel quale si vede frontalmente Piscitelli seduto sulla panchina e il killer che corre vestito da runner, si avvicina, estrae una 7.65 con silenziatore, spara e fugge via. L'uomo aveva il capo coperto da una bandana e una fascia usata per nascondere un tatuaggio sul polpaccio.
Quando è uscito il nome di Calderon la fisionomia - secondo la prima analisi svolta dalla Scientifica - sembrava corrispondere. Bisognava però avere una certezza ulteriore che non poteva arrivare se non attraverso un'ulteriore perizia tecnica per ottenere delle misurazioni precise sulle parti del corpo, come l'altezza, e un'analisi accurata del modo di muoversi e del passo di corsa.

Diabolik, arrestato il killer: "er Mafia", l'ex capo ultrà della Roma, provò a mettere pace prima del delitto


LA TECNICA
La perizia è stata svolta con la tecnica della fotogrammetria che, in sostanza, permette di catturare ed estrarre delle misure fisiche dalle immagini. Partendo dai fotogrammi del video e dai dettagli acquisiti controllando e pedinando Calderon, si è proceduto al confronto che ha prodotto, appunto, una chiara compatibilità antropometrica nonché una chiara compatibilità delle tempistiche dei passi di corsa. La perizia è stata depositata in Procura non oltre un mese fa e lo scorso 13 dicembre gli agenti della Mobile hanno arrestato Raul Esteban Calderon al Trullo vicino ad una delle abitazioni che l'uomo era solito vivere non avendo un domicilio fisso e spostandosi da un quartiere all'altro di Roma avendo le spalle coperte anche da chi, tuttora ricercato, gli aveva ordinato l'omicidio del capo ultrà.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA