Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Delitto di Via Poma, il Comune dedica una piazza a Simonetta Cesaroni: è a pochi metri da dove è stata trovata morta

Largo Gancia.: un luogo chiave di questa storia

Delitto di Via Poma, il Comune dedica una strada a Simonetta Cesaroni: la piazza è a pochi metri da dove la ragazza è stata trovata morta
2 Minuti di Lettura
Domenica 7 Agosto 2022, 16:35 - Ultimo aggiornamento: 8 Agosto, 10:25

Nel giorno in cui riccorono i 32 anni dall'omicidio di Simonetta Cesaroni il Comune di Roma Capitale le dedica una strada.  «Su proposta del consigliere Antonio Stampete il Comune ha deciso di intitolare a Simonetta Cesaroni una strada: Largo Gancia. Un luogo chiave di questa assurda storia». È quanto annuncia il parlamentare del Pd, Roberto Morassut proprio nel giorno in cui ricorrono i 32 anni dal delitto di via Poma

Via Poma, 32 anni fa il delitto. Si riparte da traccia ematica e depistaggi. Il giallo dei due alti rappresentanti dello Stato

Delitto di via Poma, il Comune dedica una strada a Simonetta

Largo della Gancia è a poche centinaia di metri dal luogo dove venne trovata uccisa, da 27 coltellate, la 21enne romana. «Il 7 agosto del 1990, nelle prime ore del pomeriggio, fu uccisa Simonetta negli uffici dell'Aiag di Via Carlo Poma - scrive in un post Morassut -. Un femminicidio sulle cui indagini vi furono troppi errori e evidenti depistaggi. Per questo ho proposto che il Parlamento se ne occupasse con una commissione d'inchiesta. In quell'ufficio o in quel palazzo c'era qualcosa che doveva restare coperto o qualcuno che doveva restare fuori dai riflettori. Forse a distanza di tanti anni qualche nuovo documento e nuovi approfondimenti del giornalista e scrittore Igor Patruno consentono di tornare indietro nel tempo e rileggere meglio quella vicenda». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA