Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Anziano aiuta una cubana, ma lei lo minaccia: «Se non mi dai i soldi, do fuoco alla tua casa». Truffa e violenza a Ostia

La donna, 37 anni, è stata condannata a 4 anni

Anziano aiuta una cubana, ma lei lo minaccia: «Se non mi dai i soldi, do fuoco alla tua casa». Truffa e violenza a Ostia
di Francesca De Martino
4 Minuti di Lettura
Venerdì 3 Giugno 2022, 07:06 - Ultimo aggiornamento: 4 Giugno, 09:05

Era riuscita a entrare nelle simpatie di un anziano malato tanto da farsi ospitare a casa sua, a Ostia. Ma, per la Procura, dopo poco tempo si sarebbe trasformata in un'altra persona: avrebbe approfittato dell'affetto di un 83enne romano così da portargli via, a suon di minacce e violenze, anche nel giro di 24 ore, oltre mille euro. È successo nel 2018. Per questi fatti, la donna è stata condannata dal Tribunale a 4 anni di reclusione per rapina ed estorsione aggravata. Il pm Eugenio Albamonte aveva chiesto per l'imputata 5 anni di carcere.
I fatti contestati dall'accusa risalgono al 24 agosto e al 22 settembre 2018. Secondo quanto ricostruiscono i pm, la 37 enne cubana, disoccupata e senza una casa - assistita dall'avvocato Alessandro De Rubeis - sarebbe entrata nelle grazie di un 83enne, con problemi motori e assistito dal tutore. L'uomo l'avrebbe accolta in casa sua, a pochi minuti a piedi dal Pontile di Ostia, offrendole una stanza tutta per lei. Poi, le avrebbe dato anche la possibilità di guadagnare qualcosa, affidandole la pulizia dell'appartamento.

Brindisi, sexy donna abbraccia un anziano e gli ruba la collana. Lui la insegue, cade e muore


Ma, per i magistrati, la donna avrebbe ricambiato quelle gentilezze approfittando della situazione e svuotando in diversi modi le tasche e i conti in banca dell'anziano. Il 24 agosto si sarebbe presentata a casa della vittima, con altre persone non identificate, per mettergli paura «abusando dell'età e della minorata difesa». «Se chiami la polizia passerai dei guai seri», questa la frase che, in base a quanto riporta il capo d'imputazione, avrebbe detto all'uomo per terrorizzarlo e farsi dare subito tutti i soldi contanti che aveva con sé: 700 euro.
E, ancora, nel giro di poche ore, avrebbe costretto l'83enne ad andare più volte all'ufficio postale e ritirare altre banconote per un totale di 351 euro. La sete di denaro, però, non si sarebbe fermata lì. E così, di forza, nella stessa giornata l'avrebbe portato al bancomat più vicino a prelevare altri 150 euro tanto da farseli dare nell'immediato e sparire dalla circolazione. E, non soddisfatta di quanto era riuscita a ottenere fino a quel momento, l'imputata si sarebbe ripresentata in tarda serata fin sotto casa del pensionato: «Se non scendi di casa con 60 euro do fuoco all'appartamento e alla macchina», in questo modo avrebbe minacciato la vittima.

Roma, la badante “infedele” svuota il conto al 90enne


La donna avrebbe intascato la cifra ma, appena poche ore più tardi dall'ultima richiesta, sarebbe ritornata dall'anziano: «Mi devi dare 100 euro, ho bisogno di riparare l'auto perché ho appena fatto un incidente stradale», gli avrebbe detto. E l'83enne, come sempre, avrebbe ceduto alle richieste della donna. Ma non è tutto. Il 22 settembre l'avrebbe spinto e fatto cadere a terra per prendergli dalla tasca della camicia 30 euro.
La vittima, dal banco dei testimoni, aveva confermato tutto: «Lei viveva in strada e l'ho fatta venire a vivere da me per darle una mano economicamente ha raccontato l'uomo, al collegio, arrivato in aula con evidenti difficoltà motorie - Ma, all'improvviso, ha iniziato a tormentarmi con continue richieste di denaro». Per la 37enne, a piazzale Clodio, c'è un altro procedimento pendente, ai danni della stessa vittima e per fatti avvenuti sempre nel 2018. In quest'ultimo caso, l'accusa le contesta i reati di estorsione, furto e sostituzione di persona.

Roma, si finge minorenne per una relazione virtuale con anziano e lo ricatta. Arrestata
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA