Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid Roma, mancano 80mila visierie per gli addetti del 118. L'allarme degli operatori

Visiere e non soltanto mascherine per gli addetti del 118
di Francesco Pacifico
2 Minuti di Lettura
Martedì 18 Agosto 2020, 15:38

Con una nuova ondata di Covid all'orizzonte sempre più possibile, è allarme per i paramedici e i volontari del 118: mancano circa 80mila visiere antischizzi che chiede il personale sulle ambulanze per ridurre i rischi da usare con o al posto delle mascherine.

Da mesi la categoria, inascoltata, propone al governo la nuova dotazione. Ma senza essere ascoltata. A rilanciare la proposta il presidente nazionale della Società italiana sistema 118, Mario Balzanelli, che racchiude i dirigenti del settore. «Costa pochi euro e non deve essere continuamente sostituita - spiega illustrandone i benefici - Necessita solo di una ripetuta sanificazione. Poi consente una respirazione molto più agevole, dal basso. Non da ultimo, copre gli occhi che sono la via preferenziale d'ingresso del Coronavirus».

Roma, boom di chiamate al call center Covid: «Dobbiamo chiuderci in casa?». «Ho il virus, mi aiuti»

Il personale del 118 segnala che la mascherina, in condizioni complesse d'intervento, rende poi difficile la respirazione, oltre a garantire una maggiore protezione. Balzanelli, che è dirigente di un'unità a Taranto, ha raccontato di aver fatto una sperimentazione in questa direzione con il suo staff. E dopo averlo «ho testato su 620 operatori», non è stato registrato «un solo caso positivo». Centinaia i contagiati tra gli operatori del 118 da quando è iniziata la pandemia.

Per questo Balzanelli rilancia sull'introduzione delle visiere antidroplets. «L'obiettivo - dice - e tutelare la nostra salute». E per quanto riguarda la categoria, visto il lavoro fatto, è difficile in certe situazione «osservare gli obblighi sanciti dai decreti governativi di distanziamento interpersonale». Allo stesso modo, «l'utilizzo delle mascherine è senz'altro misura preventiva teoricamente efficace che però risulta di difficile attuazione pratica».

© RIPRODUZIONE RISERVATA