COVID

Covid, D'Amato: «Oltre al virus dobbiamo combattere anche le fake news»

Venerdì 13 Novembre 2020

«Pubblicare notizie che la Regione altera i dati per rimanere in zona "gialla" potrebbe essere un'ipotesi di reatò. Oltre al virus, dobbiamo combattere anche le fake news». Lo dichiara l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato. Ed entra nel dettaglio: «Nel Lazio la garanzia dei dati viene assicurata dalla serietà del lavoro dell'Istituto Spallanzani e del SERESMI che non smetterò mai di ringraziare per l'impegno senza sosta che stanno mettendo dall'inizio della pandemia. Pensare di pubblicare una notizia completamente falsa per cui verrebbero alterati i dati per rimanere in zona gialla oltre che essere chiaramente una fake news è un fatto grave che potrebbe rappresentare anche un'ipotesi di reato e l'avvocatura regionale sta valutando attentamente i contenuti dell'articolo e le azioni conseguenti».

Lazio, l'assessore D'Amato: «Ikea chiusa la domenica e Capodanno senza concerti in piazza»

Malati Covid Lazio, nuova sede del numero verde per gestire e monitorare i pazienti a casa

Campania zona arancione? È già fuga dei malati Covid verso il Lazio

«Paradossalmente, come ha chiarito in una nota ufficiale lo Spallanzani, il Lazio per la capacità di testing attivata rischia invece di essere penalizzato, al pari di altre Regioni come il Veneto, poiché gli indicatori con cui l'Istituto Superiore di Sanità (ISS) fa il monitoraggio settimanale e di conseguenza indica il livello di rischio, rilevano il tasso di positività solo sulle persone testate attraverso il tampone molecolare. Questo comporta che tutti i positivi che vengono rilevati attraverso il test antigenico a lettura fluorescente con COI maggiore a 10, pur rientrando nei casi del giorno, non hanno alcuna influenza sull'indicatore dell'ISS. È di oggi la pubblicazione di un organismo indipendente quale GIMBE che assegna al Lazio la migliore capacità di rapporto tra positivi e casi testati a dimostrazione del grande lavoro che si sta facendo». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA