CORONAVIRUS

Roma, clochard trova lavoro durante la pandemia: «Così ho ritrovato una vita normale»

Domenica 21 Febbraio 2021
Roma, clochard trova lavoro durante la pandemia: «È stata una svolta, ora ho una vita normale»

Dalla strada alla normalità: se le chiusure legate al coronavirus hanno impoverito molte persone e fatto aumentare il numero dei clochard in Italia, per Roberto - nome di fantasia scelto da lui - il periodo post Covid è stata una vera occasione di rinascita. Roberto ha vissuto come un senzatetto dal 2012, e la svolta è arrivata a marzo 2020, quando ha lasciato dormitori e centri di accoglienza, è entrato in una casa vera e, dopo qualche mese, ha trovato un'occupazione più stabile.

Pomezia, via al piano freddo: clochard accolti nel centro sportivo

La sua storia è una parabola che ha toccato il punto più basso nel 2012 quando l'uomo, disoccupato già da quattro anni, ha dovuto lasciare la sua abitazione che non poteva più permettersi ed è finito a dormire per tre notti consecutive a bordo dei bus notturni per ripararsi dal freddo. «Fino al 2008 lavoravo in una società che sub-appaltava servizi per una nota compagnia telefonica - racconta all'Ansa - Eravamo solo 10 lavoratori e con la crisi siamo stati tutti espulsi. Avevo dei soldi da parte ma mi servivano anche per assistere mia madre. Poi, finiti quelli, dopo un po' è venuta meno la possibilità di pagare l'affitto. E nel 2012 ho dovuto lasciare casa».

Pranzo di Pasquetta ai clochard di Roma offerto da Acea e Sant'Egidio, le immagini

Da quel momento è iniziato il lungo peregrinare in strutture di fortuna, centri di accoglienza e dormitori. «Proprio per strada non ho mai dovuto dormire - tiene a precisare -, ma per tre notti di fila, non sapendo dove andare, mi sono appoggiato sui bus notturni». Era iniziata, insomma, la sua vita di senzatetto: residenza fittizia in via Modesta Valenti e il duro via vai nei dormitori della Capitale. Ma anche in quegli anni difficilissimi Roberto non si è mai arreso: tra alti e bassi ha cercato sempre lavoro, trovandolo a periodi alterni.

Caos al pronto soccorso, il clochard Peter cerca di entrare per dormire nella sala di attesa

«Non avere una casa propria pesa, quando non ce l'hai più perdi una certezza, un pezzo di vita», confida adesso che un tetto sulla testa ce l'ha. Ad offrirgli una vera abitazione circa un anno fa è stata la Comunità di Sant'Egidio che lo seguiva già da tempo. Il progetto in cui Roberto è riuscito ad inserirsi si chiama «Housing First» ed è stato avviato nella Capitale con il sostegno di Cisco e in collaborazione con la «Federazione Italiana Organismi per le Persone Senza Dimora».

Roma, muore clochard alla Magliana: è l'undicesimo dall'inizio dell'inverno

L'approccio è quello di partire dall'offerta di una casa ai clochard per cercare di sciogliere man mano gli altri nodi, dalla mancanza di lavoro alle dipendenze fino ai problemi di salute. Nei cinque appartamenti finora reperiti a Roma sono state ospitate 14 persone: due hanno trovato lavoro e un'altra ha già raggiunto la piena autonomia. Roberto è uno di loro: ora abita insieme ad un altro lavoratore ex senzatetto in zona Primavalle ed ha cambiato vita.

Due clochard morti in poche ore: uno ucciso dal freddo, l'altro investito dal treno allo Scalo

«È stata una vera svolta. Ho un contratto di affitto a mio nome, una vita normale. Inizialmente pagavo poco perché solo quello potevo dare, poi ad agosto ho trovato un lavoro più stabile come assistente ad un anziano, un'attività in cui mi ero cimentato anche in passato, e cerco di contribuire al massimo. Con il mio coinquilino mi trovo bene».

Clochard diventa infermiere a Teramo: «Mi credevo inutile, ora combatto il virus»

Filippo Sbrana, coordinatore del progetto, snocciola i numeri dell'emergenza in città: «Stiamo vivendo un inverno terribile in cui sono morte 12 persone in strada. Questo progetto dimostra che è possibile costruire percorsi efficaci per aiutare le persone a ricostruire il proprio futuro. La casa è la vera risposta e tutti ci possono arrivare». Non finisce qui. Roberto da un po' ha ricominciato anche a progettare il suo futuro. «Il mio sogno è mettere da parte una cifra per andare via. Prima o poi vorrei raggiungere una mia amica a Trento. Ma adesso ancora no. Ora è importante stare qui, a Roma che tanto mi ha tolto, ma anche tanto mi ha dato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA