Gaia e Camilla, «travolte da altre macchine». E spunta il caso degli sciacalli

Gaia e Camilla, le ragazze travolte da altre due auto. Accuse al guidatore
di Michela Allegri e Alessia Marani
5 Minuti di Lettura
Martedì 24 Dicembre 2019, 00:08 - Ultimo aggiornamento: 14:20

Gaia e Camilla sono morte sul colpo: un impatto atroce, che ha causato lo sfondamento del cranio e diverse fratture. Ma anche se dal primo esame esterno effettuato dal medico legale non emergono «segni di trascinamento» provocati da altre auto, agli atti dell’inchiesta ci sono le dichiarazioni di due donne che hanno raccontato alla polizia locale di avere investito pure loro le ragazze, mentre erano stese sull’asfalto di Corso Francia dopo essere state travolte dall’auto guidata da Pietro Genovese. L’impatto con il Suv le ha fatte volare via, sbalzando i corpi a diversi metri di distanza. E, secondo il dottor Luigi Cipolloni, medico legale nominato dalla Procura, potrebbe essere stato proprio questo l’unico colpo fatale. Ma serviranno esami più approfonditi, che verranno effettuati nei prossimi giorni. Perché agli atti del fascicolo coordinato dal procuratore aggiunto Nunzia D’Elia e dal pm Roberto Felici ci sono anche racconti che rimescolano le carte dell’inchiesta e che forniscono una versione alternativa della dinamica.

LEGGI ANCHE --> Incidente a Corso Francia, la sorella dell’investitore: «Chi accusa deve vergognarsi»

Un testimone avrebbe detto di avere avuto l’impressione che una delle due ragazze respirasse ancora prima dell’arrivo dei sanitari in ambulanza, che hanno sentito il polso e poi constatato il decesso di entrambe le sedicenni. Ma c’è altro: sui corpi di Camilla Romagnoli e Gaia Von Freymann potrebbero essere passate almeno altre due macchine, dopo l’impatto con la Renault Koleos guidata da Genovese. Alcuni testimoni parlano di altre tre, se non cinque auto.

Le dichiarazioni più importanti sono quelle di due conducenti, due donne, che sono state già individuate e ascoltate dalla polizia locale. La prima si è fermata subito in strada, la notte stessa dell’incidente. La signora si è accorta di essere passata sopra uno dei due corpi: «Non volevo, mi sono resa conto dopo, non ho capito cosa fossero», ha detto sotto choc ai vigili fermi su Corso Francia per effettuare i primi rilievi sull’asfalto bagnato da ore di pioggia. Un’altra giovane, accompagnata dalla mamma, si sarebbe invece “costituita” ieri mattina al comando dei vigili del II Gruppo, ai Parioli. Nemmeno lei si era accorta di essere passata con l’auto sopra i corpi ed è andata dritta a casa. Ma ieri, dopo avere letto i giornali, ha capito che sabato notte, attraversando in macchina Corso Francia, forse poteva avere urtato una delle due ragazze. E quindi si è sentita in dovere di raccontarlo agli investigatori, pensando che potesse trattarsi di un’informazione utile. Un dettaglio che potrà aiutare gli inquirenti a chiarire la dinamica dell’impatto, anche se al momento l’unico nome iscritto sul registro degli indagati è quello di Genovese, 20 anni, figlio del regista di “Perfetti sconosciuti”.

LEGGI ANCHE --> Corso Francia, la madre di Gaia: «Non troviamo il suo cellulare e le chiavi, aiutateci»

Intanto ieri le madri di Gaia e Camilla sono tornate a Corso Francia, nel luogo dell’incidente. «Voglio giustizia, non vendetta», ha detto mamma Romagnoli. E a due giorni dalla tragedia spunta pure l’incubo degli “sciacalli”: qualcuno potrebbe avere rubato gli effetti personali delle adolescenti, persi in strada nell’incidente. Di Gaia la famiglia non ha più nulla, neanche lo smarphone rosso che teneva sempre in tasca: dall’altra notte è sparito insieme al portafoglio della ragazza, che conteneva soldi e documenti. E la madre della sedicenne ha fatto un appello: «Chiunque abbia ritrovato il cellulare di mia figlia lo consegni per favore alle forze dell’ordine. È un Iphone 8 rosso, con la cover rossa, purtroppo Gaia quella sera non aveva con sé la borsa, ma aveva tutto in tasca. Chiunque abbia ritrovato effetti personali delle ragazze per favore li riconsegni».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA