CORONAVIRUS

Virus Roma, ripulita solo una strada su 3: falsa partenza per la bonifica

Giovedì 26 Marzo 2020 di Francesco Pacifico
Virus, ripulita solo una strada su 3: falsa partenza per la bonifica


Soltanto una strada su tre sarà sanificata a Roma. Dopo tante polemiche, soprattutto con la Regione Lazio, il Comune ha avviato un programma di igienizzazione della città per contenere il contagio da coronavirus, curato da Ama e dal dipartimento Ambiente, con le autobotti ieri in azione nel I (non è stato completato il programma che dovrebbe essere ultimato oggi), nel IV e nel VII Municipio. Un piano che privilegia le consolari, le piazze storiche, le vie del commercio e i punti nevralgici dove sono presenti ospedali e farmacie, ma che a ben guardare copre poco più di 1.800 chilometri di strade contro le 5.500 totali della Capitale. Una strategia che ha fatto infuriare molti Municipi. Dal I primo l'assessore Anna Vincenzoni segnala che «nella mappa degli interventi è stata per esempio dimenticata a Prati un'area fondamentale come quella di piazza Mazzini. Per carità, nulla da dire contro la sanificazione, anzi andava fatta prima e comunicata meglio, ma le autobotti in Centro passano per le vie principali, non riescono a entrare in quelle più piccole».

Coronavirus Roma, 18 positivi in casa di riposo: un'anziana morta

LE POLEMICHE
Dal VII la presidente Monica Lozzi, invece, si lamenta che «le autobotti del dipartimento Ambiente, che si stanno muovendo in modo ridicolo, vaporizzano soltanto nella parte centrale della carreggiata e non su quella di marciapiedi e caditoie. Ho ricevuto molte proteste dai miei cittadini e ho subito chiamato in Comune, dove credo che abbiano risolto la cosa per gli interventi dei prossimi giorni. Detto questo, più che le strade vanno sanificate le scuole, gli uffici pubblici e gli autobus, cosa che mi sembra si stia facendo». Dallo scorso 20 marzo al prossimo 4 aprile otto autobotti dell'Ama e quattro del dipartimento Ambiente spargeranno del detergente Micropan soluzione, uno dei prodotti consigliati dall'Istituto superiore di sanità, su tutte le consolari, sulle strade principali e commerciali dei Municipi e nelle piazze storiche.

Coronavirus, Roma, allarme case di riposo: due morti a Roma e Nerola, oltre 5o strutture a rischio focolaio

AMA
Verrà usata un'erogazione a pioggia, perché - come spiegano dalla municipalizzata dei rifiuti - sistemi spazzatrici o a gettito spargerebbero soltanto polveri, mentre «la soluzione più idonea è dunque quella che garantisce un sistema di lavaggio a caduta, che riduce sensibilmente la movimentazione dei microdepositi». Soprattutto verranno innaffiate tutte le aree dove sono presenti farmacia, scuole, ospedali e casa di cura per anziani. Forse di più non si poteva fare viste le autobotti a disposizione e l'immensa estensione delle strade della Capitale, che è quella più grande in Europa. Fatto sta che i mezzi copriranno tutti questi spazi, ma non le vie limitrofe. Per esempio ieri l'autobotte dell'Ama che ha sanificato il centro storico è passata per piazza Venezia, corso Vittorio Emanuele o piazza del Popolo, ma ha soltanto sfiorato le tante viuzze dove sono presenti molto appartamenti e alcune botteghe ancora aperte. E nella stessa ottica saranno meglio sanificate aree dove sono collocati farmacie, ospedali, supermercati, mercati rionali e fermate della metro, non toccando tutte quelle parti della città - come nelle nuove periferie a Nord a Est della città - dove sono minori i servizi. Non a caso, per Ostia dove sono stati ripuliti i cassonetti, Ama parla di interventi soltanto su 40 strade.
 

Ultimo aggiornamento: 08:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani