ATAC

Coronavirus a Roma, mascherine per autisti Atac non sono idonee: Raggi in campo

Martedì 17 Marzo 2020 di Simone Canettieri

«Ci sono ancora troppi romani in giro: dovete stare a casa». Virginia Raggi, sindaca di Roma, lancia un appello con un videomessaggio su Facebook per cercare di arginare l'emergenza coronavirus nella Capitale. 

«Abbiamo subito avviato una sanificazione straordinaria di asili nido e scuole dell'infanzia di Roma - aggiunge - Le operazioni sono concluse: sono state puliti e igienizzati più di 700 edifici scolastici, 500 mense e 400 mezzi di trasporto scolastico. E quando riapriranno le scuole già abbiamo programmato ulteriori pulizie straordinarie. A Roma ogni giorno proseguono gli interventi di sanificazione e pulizia di strade e cassonetti - dice ancora Raggi - Sono stati spruzzati 300 mila litri di igienizzante e gli operatori Ama hanno sanificato al momento circa 22 mila cassonetti».

La Roma combatte il Coronavirus: consegnate 13mila mascherine agli ospedali della Capitale
Coronavirus, a Roma 57 nuovi casi, nel Lazio sono 84: positivo bimbo di 5 mesi al Gemelli

Allo stesso tempo, la sindaca è in campo per cercare di trovare le mascherine che servono a chi in questi giorni sta lavorando: autisti Atac, operatori Ama, vigili, dipendenti amministrativi. L'azienda romana dei trasporti, nei giorni scorsi, aveva avanzato formale richiesta alla Protezione Civile Regionale per avere mascherine da fornire ad autisti ed operai. Finora sono arrivate solo 5000 mascherine di garza e ovatta antibatteriche, che però non sono utilizzabili per proteggere gli operatori che sono quotidianamente a contatto con il pubblico.


Sempre di oggi è la notizia della lettera del sindaco di Pechino Chen Jining all'inquilino del Campidoglio: insieme ce la faremo a vincere questa battaglia. 

Ultimo aggiornamento: 17:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA