CORONAVIRUS

Coronavirus Roma, gite e seconde case vietate: posti di blocco anche di notte

Venerdì 1 Maggio 2020 di Stefania Piras
Gite fuori porta e seconde case vietate: sulle strade posti di blocco anche di notte

I controlli sono serrati e visibili, per chi ha provato a mettersi in auto, già da ieri notte. I posti di blocco allestiti per il mega ponte del Primo maggio prevedono verifiche a tappeto con circa duemila uomini in campo, proprio come era già successo a Pasqua e per la festa della Liberazione. Perché i contagi diminuiscono ma non bisogna mollare la presa e pensare che ci si possa lasciare andare a un Libera tutti.

LEGGI ANCHE Fase 2 a Roma, bus fino alle 23.30 e obbligo mascherina: capienza dimezzata sui mezzi

Il piano di sicurezza elaborato in questura prevede controlli mirati su 20 tra consolari e arterie di ingresso e uscita dalla Capitale per evitare appunto le fughe al mare, ai castelli, in Sabina. La polizia stradale sarà impiegata sul Grande Raccordo Anulare e i tratti autostradali come quello dell'A1. Rimangono chiusi e sorvegliati speciali i parchi, i giardini e le ville.

Dalla Questura spiegano che si tratta dell'ultimo weekend della Fase 1, per cui valgono le stesse precauzioni e cautele di un mese fa. Soprattutto se il meteo, come prevedibile, sarà mite. Non si può andare nelle seconde case al mare o in campagna. Vietate le tradizionali scampagnate come per Pasquetta. Quest'anno, inutile dirlo, non si terrà il Concertone del Primo Maggio a San Giovanni. Non si potranno nemmeno consumare pic nic all'aperto in più persone. Non ci si può spostare senza un valido motivo.

I CORTEI
Non si possono organizzare cortei o manifestazioni. Non si possono usare le barche private e spingersi al largo del Tevere o del mare, sul litorale di Ostia. Saranno infatti controllati porti, banchine e accessi al fiume per impedire gite e giri, anche in solitaria. Anche stavolta l'uso degli elicotteri scoraggerà e monitorerà il territorio a largo raggio, dall'alto.
 


È una festa simbolica, laica, ma non cambia molto. Proprio come quella religiosa che ha celebrato la Resurrezione è quindi percepita come momento di festa e convivialità. E quindi i controlli saranno numerosi per gli stessi, identici motivi: bisogna contenere l'epidemia del coronavirus e anche proteggere gli obiettivi sensibili che rimangono tali come la Basilica di San Pietro. I controlli verranno rimodulati dal 4 maggio, alla luce delle nuove disposizioni del dpcm del 26 aprile su spostamenti e attività consentite. È quanto è emerso ieri al comitato provinciale dell'ordine e della sicurezza Gerarda Pantalone. Un prossimo confronto è stato già programmato per i primi giorni della prossima settimana. Indispensabile - sottolinea una nota - sarà la collaborazione dei cittadini.

Ultimo aggiornamento: 10:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA