CORONAVIRUS

Coronavirus Roma, Raggi: «Troppa gente alla Caffarella»

Venerdì 20 Marzo 2020
Virginia Raggi alla Caffarella

Nonostante il Coronavirus e le rigide regole contro la contimazione i romani continuano a riempire i parchi tanto che si sta pensando a una stretta sui runner. E la sindaca Virginia Raggi questa mattina è andata al parco della Caffarella per denunciare che ancora troppi romani riempiono i parchi della Capitale.

Leggi anche Virus, città blindata e più posti di blocco: stretta sui runner «Si corre sotto casa» `

 

«Dopo aver ricevuto tantissime vostre segnalazioni sono venuta questa mattina al Parco della Caffarella. Ci sono persone che corrono, attività ancora consentita, ma ce ne sono ancora troppe che passeggiano, prendono il sole, sono in giro con gli amici - ha detto Raggi - forse non è chiara la gravità della situazione: invito tutti a guardare le immagini di Bergamo, dove in questi giorni l'Esercito sta portando via le bare di chi ha contratto il Coronavirus, perché ormai nei cimiteri del luogo non c'è più posto. Le persone che si ammalano, voglio ricordarlo, spesso non possono essere ricoverate negli ospedali o in terapia intensiva, perché ormai i numeri dei positivi è molto alto. Dobbiamo darci una regolata adesso, o progressivamente arriverà l'Esercito e verrà tolta anche la possibilità di fare jogging. Dobbiamo fermare questa pandemia. Dipende da noi. A chi non l'ha capito io non so più cosa dire. Stanno fioccando le denunce: ieri abbiamo denunciato alcune persone che erano andate a passeggiare come se nulla fosse. Non funziona così». «Dobbiamo essere più rispettosi gli uni degli altri e soprattutto dobbiamo agire come una comunità che si deve proteggere e deve bloccare il contagio. State a casa, soprattutto per il bene delle persone fragili che devono essere protette».
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani