CORONAVIRUS

Coronavirus Roma, oltre 90 medici positivi: via ai tamponi-lampo per i dottori

Mercoledì 25 Marzo 2020 di Alessia Marani

La corsa contro il tempo per sconfiggere il coronavirus passa anche per lo screening dei medici e degli operatori sanitari, altrimenti, paradossalmente, saranno loro a trasformarsi in untori e si ripeteranno errori commessi al Nord Italia. Naturalmente, la situazione è diversa a Roma dove c'è stato il tempo per prepararsi, ma è anche vero che nella Capitale ieri i camici bianchi contagiati erano saliti a 84, altri 6 a Latina, 2 a Viterbo e 2 a Frosinone. Guardando ai soli ospedalieri, sarebbero più di 50 secondo le stime di Cimo e Anaao regionali. Tant'è che, l'assessore regionale alla Sanità, Alessio D'Amato, ha dato il via libera ai tamponi. «Il Lazio - ha detto - è tra le Regioni ad averne effettuati di più rispetto ai casi di positività, circa 20mila di cui il 20% al personale sanitario. Adesso abbiamo varato disposizioni ad hoc». La Regione sta valutando, inoltre, misure per alleggerire il carico sugli ospedali dove ora arrivano i sospetti Covid e dove i tempi di triage sono lunghissimi. Gli altri ospedali avranno percorsi febbre per chi ha sintomi minori, sempre garantendo l'isolamento.

Coronavirus, come si fa un tampone. Quanto costa, come funziona

Coronavirus, il dramma dei medici infettati: «Tamponi ai calciatori, a noi no»

SPERIMENTAZIONE CONCLUSA
Lo screening verrà eseguito su coloro che saranno ritenuti a rischio in base a un registro tenuto dalle Asl. L'Ordine dei medici sta veicolando i questionari in cui gli operatori dovranno indicare se e come sono (o sono stati) esposti al Covid-19. Non solo, appena arriverà il placet sulla sperimentazione dei test veloci (non attraverso tamponi ma micro-prelievi sanguigni) la Regione impiegherà proprio questi ultimi per le verifiche sui sanitari. L'analisi del kit diagnostico veloce è stata affidata al Policlico Gemelli che avrebbe già concluso l'iter su 500 campioni. Per cui il pronunciamento della Regione è atteso quanto prima. «Al fine di garantire la continuità dell'assistenza sanitaria - queste le direttive regionali -, il personale non risultante ad alto rischio, prosegue la propria attività professionale, previa osservanza delle norme di prevenzione e protezione (...) ed è sottoposto a sorveglianza sanitaria attiva».
Per i camici bianchi, bisogna procedere subito e ad ampio spettro. «I dati sui positivi - afferma il presidente dell'Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi - sono comunque sottostimati e per questo è necessario fare i tamponi a tutti gli operatori sanitari. La media nazionale è di 400 nuovi contagiati ogni giorno». La mancanza di protezioni adeguate è la causa principale di contagio tra i sanitari: «Ogni medico infettato, nei 14 giorni precedenti, ha avuto la probabilità aggiunge Magi di infettare i pazienti, perché non sapeva di esserlo».

LA DIFFUSIONE
I medici sono anche disposti a intervenire economicamente: «Se il problema è il costo dei test - conclude Magi - siamo disposti a contribuire». Anche per Giuseppe Lavra, della Cimo Lazio, e Guido Coen Tirelli, della Anaao Assomed Lazio, «il problema non è più derogabile». Dati sottostimati riguardano anche la reale diffusione del Covid-19. Secondo il capo della protezione civile nazionale Angelo Borrelli, per ogni malato ce ne sarebbero altri dieci silenti, ossia asintomatici. Se così fosse, a Roma si supererebbero i 17mila casi. Ieri il bollettino regionale, infatti, ne contava 1728 accertati. Circa tremila sono le persone attualmente sottoposte a sorveglianza domiciliare. Studi effettuati in Lombardia e in Veneto ritengono che i casi reali potrebbero essere rispettivamente del 20% e del 60% in più rispetto a quelli rilevati e uno studio del fisico Federico Ricci Tersenghi, dell'Università Sapienza, indica che i casi reali sarebbero da 5 a 10 volte superiori rispetto a quelli accertati con tampone, quindi tra gli 8.640 e i 17.280.

Ultimo aggiornamento: 13:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani