Coronavirus Roma, il Campidoglio non ferma le multe sulle strisce blu (già abolite in tutta Italia)

Coronavirus Roma, il Campidoglio non ferma le multe sulle strisce blu (già abolite in tutta Italia)
di Fabio Rossi
3 Minuti di Lettura
Martedì 17 Marzo 2020, 09:17

Traffico ridotto ai minimi termini, mezzi pubblici semivuoti (nonostante l'orario estivo), strade semideserte, zona a traffico limitato del centro storico sospesa fino a fine emergenza coronavirus. Eppure, in un panorama eccezionale nella drammaticità del momento, il Campidoglio si ostina a mantenere a pagamento le strisce blu, nonostante in tutta Italia - da Milano a Lecce - la tariffazione sia stata sospesa.
E l'Atac, dal canto suo, continua a far andare in giro gli ausiliari del traffico a fare multe, come se nulla fosse successo nel frattempo. Il motivo? Sotto la vernice delle strisce blu c'è un tesoro: l'anno scorso l'amministrazione capitolina ha incassato la bellezza di 38 milioni di euro, linfa vitale soprattutto per l'azienda di via Prenestina. Si parla di quasi duemila sanzioni al giorno (1.765 per la precisione), a cui difficilmente Campidoglio e municipalizzata vogliono rinunciare, nonostante l'emergenza.

Roma, stop alle cartelle esattoriali fino al 31 maggio: congelati oltre 700mila atti nel Lazio

LA MAPPA DELLE ORDINANZE

Eppure, questa soluzione di buon senso è stata adottata un po' ovunque: a Torino Chiara Appendino, altra sindaca M5S, ha sospeso la sosta tariffata già dalla scorsa settimana, e almeno fino al 25 marzo. Lo stesso ha fatto il primo cittadino di Milano, Giuseppe Sala, con un'ordinanza che permette a tutti di parcheggiare gratuitamente in città sulle strisce gialle (riservate ai residenti), e su quelle blu, di solito a pagamento. Idem a Venezia, dove sono temporaneamente tutti gratuiti gli stalli di Mestre, Marghera e Lido. Da nord a sud, passando per Pescara fino a Lecce, in tempi di lockdown la sosta è gratuita un po' ovunque. Nell'area romana ieri il sindaco di Civitavecchia, Ernesto Tedesco, ha firmato un'ordinanza con la quale sospende il pagamento dei parcheggi sulle strisce blu in tutto il territorio comunale. Provvedimenti analoghi sono stati adottati dai sindaci di Pomezia, Anzio, Ardea e Nettuno. Tutti, o quasi, tranne Roma.

LE RICHIESTE
Le opposizioni hanno chiesto in più occasioni al Campidoglio di muoversi in tal senso. Come nell'ultima seduta dell'assemblea capitolina: «Dispiace che non sia stata accolta la proposta per esentare i romani in questo momento dal pagamento delle strisce blu», sottolinea Andrea De Priamo, capogruppo di Fratelli d'Italia in aula Giulio Cesare.
2.485
I parcometri installati nei 29 quartieri della Capitale in cui è in vigore la sosta tariffata
Sospendere il pagamento delle strisce blu «per consentire gli spostamenti in autovettura», era anche una delle proposte avanzate dal Pd, con il capogruppo Giulio Pelonzi, per affrontare l'emergenza di questo periodo. «Che aspetta la sindaca Raggi a sospendere le strisce blu a Roma, come hanno già fatto Milano e Torino?», ha scritto su Twitter Michele Anzaldi, deputato di Italia Viva.

© RIPRODUZIONE RISERVATA