CORONAVIRUS

Coronavirus Roma, saltano le elezioni di primavera: i comuni della provincia al voto in autunno

Mercoledì 22 Aprile 2020 di Mirko Polisano
Coronavirus Roma, saltano le elezioni di primavera: i comuni della provincia al voto in autunno

L'emergenza Covid fa slittare le elezioni amministrative, previste in primavera. I cittadini dei 12 i comuni della provincia di Roma (27 in tutto il Lazio) chiamati alle urne dovranno attendere ancora qualche mese. La tornata elettorale è stata infatti spostata al prossimo autunno, causa coronavirus. 

Lo ha disposto con un decreto legge il Governo, nel corso del Consiglio dei Ministri n.41, che si è riunito ieri 20 aprile. Il voto si terrà dunque tra il 15 settembre e il 15 dicembre per poter svolgere le votazioni in condizioni di sicurezza.  

Tanti i fattori che hanno portato al rinvio. A partire dalle scuole, dove dovranno essere allestiti i seggi, e per finire alla campagna elettorale che, per forza di cose, non può certo fare a meno di radunare in uno stesso luogo un alto numero di persone. Tutto questo ai tempi del coronavirus, nel pieno di un'emergenza sanitaria.

Fase 2 si, dunque, ma senza elezioni. Questo l’elenco dei comuni della provincia di Roma dove le elezioni sono state rimandate con il nome del sindaco uscente:

Albano Laziale – Nicola Marini
Arcinazzo Romano – Giacomo Troja
Colleferro  – Pierluigi Sanna
Genzano di Roma – Nicola Di Matteo (commissario prefettizio)
Marano Equo – Carlo Maglioni
Montelanico – Raffaele Allocca
Palombara Sabina – Alessandro Palombi
Percile – Vittorio Cola
Rocca di Papa – Veronica Cimino (facente funzioni)
Roiate – Antonio Proietti
San Gregorio da Sassola – Franco Carocci
Zagarolo – Lorenzo Piazzai

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani