CORONAVIRUS

Coronavirus Roma, il decalogo per i vigili: «Bloccate e controllate tutti, ma senza spaventarli»

Martedì 24 Marzo 2020 di Cristiana Mangani
1
Coronavirus Roma, il decalogo per i vigili: «Bloccate e controllate tutti, ma senza spaventarli»

Prudenza, professionalità, fermezza e buonsenso: la polizia di Roma capitale ha inviato al personale le regole da seguire durante i posti di blocco per il Coronavirus. L'idea di un "check point" può dare l'ansia a cittadini abitualmente liberi di circolare, quindi c'è un preciso diktat da seguire: «devono essere fermati TUTTI I VEICOLI E NON SEMPLICEMENTE A CAMPIONE, al fine di verificare la legittimità degli spostamenti». È scritto proprio cosí nella circolare, tutto a caratteri maiuscoli, a sottolineare che da questo principio non si può derogare. Nessuna estensione è ammessa nelle motivazioni che vengono presentate dai cittadini sottoposti a controllo.

LEGGI ANCHE Coronavirus, aziende e spostamenti: il Viminale spiega chi può muoversi. Ok spesa nel comune vicino

«L'obiettivo - spiega ancora la circolare - è chiaramente quello di far capire a tutti che la polizia locale e nazionale sta eseguendo controlli mirati, senza ovviamente ingenerare paura ingiustificata o altro, ma timore e rispetto per i controlli, quello certamente sì».

La preoccupazione che la gente si spaventi viene ribadita più volte, perché sicuramente non era mai successo finora che una mamma con bambino, una nonna o un runner in allenamento si trovassero davanti un posto di blocco con due macchine dei vigili pronti a verificare ogni minimo dettaglio di quanto verrà detto.

LEGGI ANCHE Coronavirus, cambia ancora modulo autocertificazione

Al termine - sono ancora le regole dettate dal Comando - verrà acquisita l'autocertificazione e, nell'ipotesi che sia incompatibile» con quanto asserito si procederà «a identificazione ed elezione di domicilio per poi predisporre comunicazione di notizia di reato».

È previsto, poi, che durante la giornata, le auto dei vigili passino con l'altoparlante per indurre la gente a stare a casa. «Non uscite dalle vostre case - è il messaggio che viene ripetuto - se non per validi motivi come andare al lavoro, fare la spesa o assistere un familiare malato. I trasgressori saranno denunciati. Rispettate le regole, rispettate le distanze di sicurezza».
 

Ultimo aggiornamento: 16:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche