Il Coronavirus non ferma la movida, assembramenti e locali aperti: denunciati dieci gestori di pub e discoteche

Il Coronavirus non ferma la movida, assembramenti e locali aperti: denunciati dieci gestori di pub e discoteche
3 Minuti di Lettura
Lunedì 9 Marzo 2020, 13:29

Nonostante quanto stabilito dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, sono diversi i locali, tra pub, discoteche e attività di ristorazione, che non hanno rispettato le norme a tutela della sicurezza pubblica. Nell'ambito dei controlli svolti dalla Polizia Locale di Roma Capitale, dieci i gestori che sono stati denunciati per inottemperanza alla chiusura, oppure nel caso di ristoranti e bar, per il mancato rispetto dell'obbligo di distanza interpersonale di un metro tra i clienti. Gli agenti del I Gruppo “ex Trevi “ e del Gssu, durante le verifiche, hanno scovato alcuni locali, siti nelle principali piazze e vie tipiche della movida nel Centro Storico capitolino, pieni di gente nonostante dovessero essere chiusi, oppure con giovani che consumavano pasti e bevande gomito a gomito. Nei confronti dei responsabili , oltre alla denuncia, verrà inoltrata comunicazione al Prefetto per gli ulteriori provvedimenti.

Coronavirus, Roma trema: stop alle piazze della movida, super-quarantena per migliaia

«È fondamentale che tutti i cittadini si attengano rigorosamente alle prescrizioni stabilite dalle autorità. Ogni singolo gesto può rivelarsi decisivo. È necessario che tutti compiano uno sforzo per tutelare la nostra comunità. Occorrono responsabilità e rispetto delle regole, nessuno può e deve pensare di essere esentato», sottolinea la Sindaca Virginia Raggi. «Invitiamo tutti i cittadini e in modo particolare i giovani, ad attenersi al rispetto delle regole, perché nessuno è immune dal contagio. Sono necessari senso di responsabilità e collaborazione. Non c'è spazio per egoismi, personalismi e pressapochismi, Continueremo a vigilare, non curanti dei rischi reali anche per noi operatori di polizia, affinché il contagio possa essere contenuto e le cure sanitarie garantite a tutti coloro che ne hanno bisogno, ma serve senso civico» - dichiara il Comandate, Antonio Di Maggio. Le verifiche proseguiranno nei prossimi giorni, per vigilare sul rispetto di norme atte a garantire la salute pubblica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA